• blog
  • venerdì 30 aprile 2010

Ulteriori questioni linguistiche

Oggi Francesco Costa ha deciso che il Post fosse la prima testata giornalistica italiana a usare in un titolo l’espressione “Saltare lo squalo”. L’iniziativa è meritoria e innovativa, ma almeno una spiegazione accessoria la richiede.

L’espressione saltare lo squalo, in inglese jumping the shark, viene utilizzata dai critici statunitensi per indicare il momento in cui una saga cinematografica o una serie televisiva, dopo aver raggiunto il suo picco, inizia inesorabilmente ad abbassare il suo livello qualitativo, facendo venir meno la verosimiglianza della storia e l’interesse dei fan verso di essa.
La locuzione deriva da un episodio del 1977 della celebre serie Happy Days, incentrato su Fonzie che scommetteva di riuscire a saltare uno squalo mentre faceva sci nautico. Questo fatto rappresentò, per i critici televisivi, il definitivo declino della serie.

E non poteva mancare il video (grazie a tanoka che l’ha segnalato qui sotto).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.