Carlo Conti e Maria De Filippi sul palco del Teatro Ariston per la 67esima edizione del Festival di Sanremo, l'8 febbraio 2017 (ANSA/ETTORE FERRARI)
  • TV
  • giovedì 9 febbraio 2017

Sanremo 2017, il programma e gli ospiti della terza serata, quella delle cover e dei ripescaggi

Si sentiranno un po' di grandi canzoni italiane, ci saranno i ripescaggi dei cantanti meno votati fin qui e sentiremo altre quattro "nuove proposte"

Carlo Conti e Maria De Filippi sul palco del Teatro Ariston per la 67esima edizione del Festival di Sanremo, l'8 febbraio 2017 (ANSA/ETTORE FERRARI)

Il Festival di Sanremo è arrivato alla terza serata, che sarà quella dei ripescaggi, delle ultime qualificazioni dei cantanti della sezione “Nuove proposte”, ma soprattutto del  mini-concorso sulle cover: vecchie canzoni italiane saranno reinterpretate dai cantanti in concorso nella gara principale, quella dei “Campioni”. O meglio: dai sedici di loro che grazie ai voti ricevuti nelle prime due serate del Festival hanno già ottenuto l’accesso alla quarta serata. Dopo le cover – la più votata riceverà un premio creato apposta – canteranno i sei cantanti a rischio di eliminazione: Bianca Atzei, Clementino, Giusy Ferreri, Nesli e Alice Paba, Raige e Giulia Luzi, Ron. Quattro di loro verranno ripescati per partecipare alla serata di venerdì, gli altri saranno eliminati. Il voto, a partire da questa sera, terrà conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio di una “giuria di esperti” del Festival e per il 30 per cento della giuria demoscopica, formata da 300 normali fruitori di musica scelti in modo da essere rappresentativi della popolazione italiana. Le canzoni del girone dei ripescaggi sono quelle che hanno ricevuto meno voti tra la prima e la seconda serata, che è stata vista da 10.367.000 spettatori, col 46,6 per cento di share, e in cui il voto era ripartito a metà tra televoto e membri della Giuria della Sala Stampa.

Questa sera verranno scelti anche gli altri due finalisti della categoria “Nuove proposte”, che poi si sfideranno nella serata di venerdì insieme ai due che hanno vinto la prima serata di gara, ieri. I primi cantanti a salire sul palco dell’Ariston saranno però i protagonisti di un altro famoso concorso di canzoni: il Piccolo Coro Mariele Ventre dell’Antoniano di Bologna, cioè il coro dello Zecchino d’Oro, il Festival Internazionale della Canzone del Bambino. Quest’anno infatti si celebrano i 60 anni della manifestazione, che ogni anno viene organizzata a novembre.

Le cover 

Le versioni originali delle canzoni che saranno cantate questa sera dai “Campioni” ancora in gara le potete ascoltare qui; alcune delle cover di stasera, in realtà, erano cover anche quando furono cantate per la prima volta in Italia, saranno cover di cover, in un certo senso. Tra gli artisti che sono andati per la maggiore nella scelta delle canzoni da rifare quest’anno ci sono Francesco De Gregori, di cui verranno eseguite due canzoni in aggiunta a “Diamante”, cantata da Zucchero ma scritta da De Gregori, e Adriano Celentano, interprete di due delle “cover di cover” di stasera. L’elenco di interpreti e brani che segue è in ordine alfabetico: l’ordine di esibizione si saprà dal mezzogiorno di oggi, quando sarà comunicato in conferenza stampa.

  • Al Bano – “Pregherò”, la versione di “Stand By Me” di Adriano Celentano, incisa nel 1962;
  • Alessio Bernabei – “Un giorno credi” di Edoardo Bennato, dal disco Non farti cadere le braccia del 1973;
  • Michele Bravi – “La stagione dell’amore” di Franco Battiato, da Orizzonti perduti (1983);
  • Chiara – “Diamante” di Zucchero, da Oro, incenso e birra (1989);
  • Lodovica Comello – “Le mille bolle blu”, il trentasettesimo singolo di Mina, uscito nel gennaio 1961;
  • Gigi D’Alessio – “L’immensità” di Don Backy e da Johnny Dorelli, presentata al Festival di Sanremo del 1967, cinquant’anni fa;
  • Elodie – “Quando finisce un amore” di Riccardo Cocciante, dal disco Anima del 1974;
  • Francesco Gabbani – “Susanna” di Adriano Celentano, rifacimento di “Suzanne” (1983) del gruppo olandese VOF de Kunst;
  • Fiorella Mannoia – “Sempre e per sempre” di Francesco De Gregori, da Amore nel pomeriggio (2001);
  • Marco Masini – “Signor tenente” di Giorgio Faletti, presentata al Festival di Sanremo del 1994;
  • Ermal Meta – “Amara terra mia” di Domenico Modugno, da Con l’affetto della memoria (1971);
  • Fabrizio Moro – “La leva calcistica della classe ’68” di Francesco De Gregori, da Titanic (1982);
  • Samuel – “Ho difeso il mio amore”, cover di “Nights in White Satin” (1967) dei Moody Blues, incisa dai Profeti, dai Nomadi e dai Bit-Nik;
  • Sergio Sylvestre – “La pelle nera” di Nino Ferrer, uscita nel 1967;
  • Paola Turci – “Un’emozione da poco” di Anna Oxa, che ottenne il secondo posto al Festival di Sanremo del 1978;
  • Michele Zarrillo – “Se tu non torni”, singolo di Miguel Bosé del 1994.

I cantanti della categoria “Nuove proposte”

I quattro cantanti della categoria “Nuove proposte” in gara canteranno le loro canzoni e due di loro saranno scelti per la finale della quarta serata. In ordine alfabetico i “giovani” in gara questa sera sono:

  • Lele – “Ora mai”;
  • Maldestro – “Canzone per Federica”;
  • Tommaso Pini – “Cose che danno ansia”;
  • Valeria Farinacci – “Insieme”.

Festival di Sanremo: gli ospiti della terza serata

L’ospite internazionale principale di questa sera è un cantante molto conosciuto in Italia: Mika. Come Ricky Martin, si esibirà in un medley delle sue canzoni più conosciute. Tra gli ospiti internazionali della serata ci sarà anche la cantautrice statunitense di origini italiane LP, che forse conoscete per la canzone “Lost on You”. Si esibirà anche la Orquesta de Reciclados de Cateura, un’orchestra di bambini del Paraguay che suonano strumenti musicali da loro costruiti con materiali di riciclo: l’Orquesta è sostenuta dall’Unicef ed è testimonial dell’organizzazione, i bambini che suonano nell’orchestra abitano nella favela di Cateura, che si trova vicina alla capitale Asunciòn, a fianco della più grande discarica del Paraguay.

Tra gli ospiti internazionali della terza serata del Festival di Sanremo ci saranno anche l’attrice Anoucka Delon e la modella Annabelle Belmondo: la prima è figlia dell’attore francese Alain Delon, la seconda nipote di Jean Paul Belmondo. Gli ospiti italiani saranno i comici Luca e Paolo (che hanno già partecipato più volte al festival, a partire da quando lo hanno condotto insieme a Gianni Morandi nel 2011) e gli attori Alessandro Gassmann e Marco Giallini, entrambi interpreti di due serie tv trasmesse dalla Rai: Gassmann è nel cast della serie tv I bastardi di Pizzofalcone, tratta dai romanzi gialli di Maurizio De Giovanni, mentre Giallini è il protagonista di Rocco Schiavone, tratta dai gialli di Antonio Manzini. Come le altre serate del festival ci saranno poi gli interventi comici di Maurizio Crozza e di Rocco Tanica dalla Sala Stampa.

Le altre serate del Festival di Sanremo 2017

Nella serata di venerdì, la quarta, sarà scelto il vincitore della categoria “Nuove proposte” tra i quattro interpreti ancora in gara e saranno cantate le venti canzoni dei “Campioni” rimaste in gara: quattro artisti saranno eliminati, gli altri sedici si esibiranno di nuovo sabato sera. Le votazioni saranno azzerate dalle serate precedenti, quindi tenetelo a mente se avete già votato le scorse sere e tenete in particolar modo a una canzone. Il voto rimane ripartito tra televoto, giuria di esperti e giuria demoscopica. La stessa cosa succederà sabato sera, quando canteranno i 16 artisti rimasti in gara e uno di loro sarà proclamato vincitore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.