Anna Oxa che canta "Un'emozione da poco" al Festival di Sanremo del 1978
  • TV
  • giovedì 9 febbraio 2017

Sanremo 2017, le versioni originali delle cover di questa sera

Chi canterà cosa nella serata del 9 febbraio: ci saranno canzoni di De Gregori, Battiato, Mina, Anna Oxa e Celentano

Anna Oxa che canta "Un'emozione da poco" al Festival di Sanremo del 1978

Stasera al Festival di Sanremo i sedici cantanti ancora in gara nella competizione principale canteranno cover di famose canzoni italiane. Dal mini concorso sulle cover saranno esclusi solo i sei cantanti nel “girone eliminatorio”, quelli che hanno ricevuto meno voti nelle prime due serate di gara, martedì e mercoledì: due di loro saranno definitivamente eliminati dopo aver cantato le loro canzoni originali. Anche le cover saranno votate e quella che otterrà più voti riceverà un premio a parte.

Tra gli artisti che sono andati per la maggiore nella scelta delle cover di quest’anno ci sono Francesco De Gregori, di cui verranno eseguite due canzoni in aggiunta a “Diamante” di Zucchero, di cui De Gregori scrisse il testo, e Adriano Celentano. Le due cover di Celentano però sono a loro volta cover: tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta spesso si “traducevano” in italiano grandi successi di musicisti stranieri e così è stato per “Pregherò”, che è una versione italiana di “Stand By Me”, e “Susanna”, che è una versione di “Suzanne” del gruppo olandese VOF de Kunst. Anche “Ho difeso il mio amore”, un’altra delle cover che saranno cantate stasera, era già una cover: è una versione di “Nights in White Satin” (1967) dei Moody Blues, e nel tempo fu rifatta dai Profeti, dai Nomadi e dai Bit-Nik.

Delle sedici cover di stasera alcune sono state in gara a passate edizioni del festival di Sanremo. Tra queste c’è “Un’emozione da poco” di Anna Oxa, che con questa canzone, da esordiente, arrivò seconda al festival del 1978. Quell’edizione fu vinta da “…e dirsi ciao” dei Matia Bazar e terza arrivò “Gianna” di Rino Gaetano. Le altre sono “L’immensità” di Don Backy e da Johnny Dorelli, presentata al Festival di Sanremo del 1967, “Signor tenente” di Giorgio Faletti, presentata al Festival di Sanremo del 1994, e “Le mille bolle blu”, portata al Festival del 1961 da Mina e Jenny Luna.

Al Bano – “Pregherò” di Adriano Celentano, 1965

Alessio Bernabei – “Un giorno credi” di Edoardo Bennato, 1973

Michele Bravi – “La stagione dell’amore” di Franco Battiato, 1983

Chiara – “Diamante” di Zucchero, con testo di Francesco De Gregori, 1989

Lodovica Comello – “Le mille bolle blu” di Mina, 1961

Gigi D’Alessio – “L’immensità” di Don Backy e Johnny Dorelli, 1967

Elodie – “Quando finisce un amore” di Riccardo Cocciante, 1974

Giusy Ferreri – “Il paradiso” di Patty Pravo, 1969

Francesco Gabbani – “Susanna” di Adriano Celentano, 1969

Fiorella Mannoia – “Sempre e per sempre” di Francesco De Gregori, 2001

Marco Masini – “Signor tenente” di Giorgio Faletti, 1994

Ermal Meta – “Amara terra mia” di Domenico Modugno, 1971

Fabrizio Moro – “La leva calcistica della classe ’68” di Francesco De Gregori, 1982

Samuel – “Ho difeso il mio amore” dei Nomadi, 1968

Sergio Sylvestre – “La pelle nera” di Nino Ferrer, 1967

Paola Turci – “Un’emozione da poco” di Anna Oxa, 1978

Michele Zarrillo – “Se tu non torni” di Miguel Bosé, 1993

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.