75 anni di Capitol Records (Taschen)

Il librone di Taschen su Capitol Records

Per appassionati di a) foto, b) musica, c) libroni. Sulla storia della casa discografica che pubblicò i Beatles, Frank Sinatra e i Pink Floyd

75 anni di Capitol Records (Taschen)

L’editore Taschen – specializzato in libri illustrati e d’arte – ha pubblicato 75 anni di Capitol Records, un libro che racconta soprattutto per immagini la storia di una delle più famose case discografiche di sempre, che fu fondata a Los Angeles 75 anni fa da Johnny Mercer, Buddy DeSylva e Glenn Wallichs. C’è un’introduzione del cantante Beck e poi centinaia di fotografie e altri materiali provenienti dagli archivi di Capitol Records, oltre a saggi e commenti di storici e critici culturali e musicali. Capitol Records ha pubblicato i dischi di grandissimi musicisti del Novecento di diversi generi: Frank Sinatra, Miles Davis Nat King Cole nei suoi primi vent’anni; i Beach Boys e i Beatles negli anni Sessanta; band del rock internazionale come i Pink Floyd o i Wings negli anni Settanta; fino alle popstar contemporanee, tra cui i Coldplay, Katy Perry e Sam Smith. Nel 1955 Capitol Records fu acquistata dalla casa discografica britannica EMI, e nel 2012 fu incorporata dalla società statunitense Universal Music Group.

75 anni di Capitol Records è stato curato Reuel Golden, giornalista, ex direttore della rivista British Journal of Photography e curatore di molti altri libri di Taschen, tra cui Her Majesty, Harry Benson: The Beatles, Rolling Stones, The beautiful game. Il calcio negli anni ’70 e le edizioni dedicate a New York e Londra della serie Portrait of a City.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.