Tommaso Benvenuti fra Ross Moriarty e Scott Williams (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 5 febbraio 2017

L’Italia di rugby ha perso contro il Galles

È stata battuta 33 a 7, dopo aver concluso in vantaggio il primo tempo: ha giocato bene i primi cinquanta minuti, poi non ha più retto

Tommaso Benvenuti fra Ross Moriarty e Scott Williams (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

L’Italia di rugby ha perso contro il Galles per 33 a 7 nella sua prima partita del torneo Sei Nazioni. Ha perso con più di sette punti di svantaggio, quindi non ha ottenuto nemmeno un punto in classifica, mentre il Galles ne ha ottenuti quattro per la vittoria senza riuscire a guadagnarne uno di bonus per aver segnato almeno quattro mete (ne ha fatte tre). Dopo la sconfitta di oggi, l’Italia si trova in ultima posizione nel torneo, perché Francia e Irlanda, pur avendo perso, hanno guadagnato un punto.

Il Galles ha attaccato per la maggior parte del primo tempo ma la difesa italiana ha retto bene. A dieci minuti dall’intervallo l’Italia è riuscita a segnare la prima meta dell’incontro con Edoardo Gori, poi trasformata da Carlo Canna. Il primo tempo è finito con il risultato di 7 a 3. Nel secondo tempo però l’Italia è calata molto e ha commesso diversi errori, permettendo così al Galles, entrato in campo con un atteggiamento completamente diverso, di recuperare lo svantaggio e segnare tre mete negli ultimi venti minuti.

L’Italia è rimasta in partita per i primi cinquanta minuti, facendo molto bene quello che doveva fare: reggere gli attacchi avversari per poi reagire. Ma nel suo momento migliore ha segnato solo sette punti: poi il Galles ha sfruttato i calci di punizione concessi — anche ingenuamente — dall’Italia, per rimontare, e vincere. Negli ultimi minuti ha anche provato a segnare la quarta meta, per ottenere un punto in più, senza riuscirci.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.