La mostra sull’erotismo di Araki, a Milano

80 fotografie di uno dei più controversi autori giapponesi: donne legate, nude e circondate da mostri

Fino al 26 marzo la galleria Carla Sozzani di Milano ospita la mostra “Araki Amore“, che raccoglie più di ottanta opere del fotografo giapponese Nobuyoshi Araki, controverso e famoso per l’erotismo delle sue fotografie, dove l’amore, il sesso, la morte e la violenza si mescolano e sovrappongono. La rassegna è curata da Filippo Maggia e si può visitare gratuitamente negli spazi di 10 Corso Como a Milano.

La maggior parte delle fotografie esposte è stata realizzata negli ultimi due anni; alcuni lavori sono inediti, tra cui tre composizioni di 100 polaroid ciascuna e un video-documentario che mostra Araki al lavoro con una ballerina, girato a Tokyo a luglio 2015. I temi sono quelli per cui Araki è famoso: donne nude o leggermente coperte da kimono, spesso legate o circondate da kaiju, i mostri mitologici – tra cui Godzilla – che si apprestano, come le donne delle fotografie, a sconvolgere la vita serena e rassicurante delle città. E poi ci sono bamboline insanguinate e legate, e molte immagini di fiori e frutta intense e sensuali.

Nobuyoshi Araki è nato a Tokyo nel 1940, si è diplomato in cinema e fotografia e la sua prima mostra personale è del 1965. Nel 1968 incontrò, nell’agenzia pubblicitaria in cui lavorava, la saggista Yōko Aoki: diventò sua moglie e una figura centrale nel suo lavoro. Nel 1971 dopo il loro matrimonio Araki pubblicò il libro Sentimental Journey, che racconta il viaggio di nozze e il sesso insieme, e che aggiornò dopo la morte di lei per un cancro alle ovaie nel 1990, in Sentimental Journey/Winter Journey, sulla loro vita insieme.

Araki è stato accusato spesso di scattare immagini pornografiche e in Giappone è stato arrestato più volte per oscenità. La serie Kinbaku, del 1979, è dedicata al bondage e raccoglie i ritratti di 101 donne legate mentre negli anni Ottanta pubblica Tokyo lucky hole, sulla vita nel quartiere a luci rosse di Kabukichō, a Tokyo. Ha lavorato anche per riviste come Playboy, Déjà-Vu ed Erotic Housewives; ha pubblicato più di 350 libri e realizzato la copertina del disco Telegram di Björk, estimatrice del suo lavoro (di recente avrete visto una sua foto sulla copertina di La vegetariana pubblicata da Adelphi). Nel 2009 ha iniziato la serie Volti dal Giappone, in cui ritrae centinaia di persone di ogni prefettura giapponese.

telegram
La copertina di Telegram

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.