• Mondo
  • mercoledì 25 gennaio 2017

IKEA rivuole indietro le sdraio Mysingsö

In tutto il mondo (anche in Italia), dopo che cinque persone si sono fatte male alle dita per averle riassemblate male

L’azienda svedese di mobili IKEA ha chiesto a tutti i clienti che hanno comprato una sdraio di modello MYSINGSÖ a riconsegnarla in un qualsiasi negozio della catena, per ottenere una sostituzione o un rimborso. IKEA ha spiegato che ci sono stati cinque incidenti in Finlandia, Germania, Stati Uniti, Danimarca e Australia, che in tutti i casi hanno provocato delle lesioni alle dita che «hanno richiesto cure mediche».

Il problema è che «dopo aver lavato la parte in tessuto, c’è il rischio di rimontare la sdraio in modo scorretto provocando così un rischio di caduta o di schiacciamento delle dita». Nei cinque incidenti, le sdraio sono crollate mentre qualcuno ci era seduto sopra, perché non erano state rimontate correttamente.

A partire da febbraio, ha spiegato IKEA, saranno vendute nei negozi delle nuove sdraio MYSINGSÖ, il cui design è stato modificato per rendere più facile il riassemblaggio. Per restituire le sdraio, scrive IKEA nel suo comunicato, non è necessario lo scontrino fiscale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.