Manifestanti alla Women's March di Washington, il 21 gennaio 2017 (Mario Tama/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 22 gennaio 2017

Le foto delle Women’s March negli Stati Uniti

Più di un milione di persone (uomini e donne) ha partecipato alle manifestazioni contro Trump, c'erano anche Madonna, Scarlett Johansson, Jane Fonda e Angela Davis

Manifestanti alla Women's March di Washington, il 21 gennaio 2017 (Mario Tama/Getty Images)

Il 21 gennaio più di un milione di persone ha partecipato alle Women’s March, le manifestazioni delle donne contro il nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si è insediato venerdì alla Casa Bianca. La manifestazione principale era quella di Washington, ma ce ne sono state 672 in tutto il mondo (tre anche in Italia). Trump, tra le altre cose, è noto per i suoi commenti sessisti e per l’atteggiamento spesso irrispettoso sia nei confronti delle donne che di persone svantaggiate, come il giornalista disabile che prese in giro durante la campagna elettorale. In uno degli episodi più famosi dell’ultima campagna elettorale, è stato scoperto un video in cui Trump si vantava di molestare sessualmente le donne.

Sul palco della manifestazione di Washington hanno parlato molti attivisti e persone famose, tra cui le cantanti Madonna e Alicia Keys, l’attrice Scarlett Johansson, la giornalista femminista Gloria Steinem, l’attrice comica Amy Schumer, il regista Michael Moore, l’attivista Angela Davis e la sindaca di Washington Muriel Bowser. Molte altre persone famose – ad esempio l’attrice britannica Emma Watson, la regista Lana Wachowski e la cantante Cher – hanno partecipato come manifestanti. Alla marcia di Los Angeles invece hanno parlato, tra gli altri, l’attrice Jane Fonda e la cantante Barbara Streisand. La cantante Miley Cyrus e l’attore James Franco erano fra le persone che hanno partecipato al corteo.

Le Women’s March sono iniziate con un post di Facebook pubblicato da una pensionata delle Hawaii e sono diventate una manifestazione da mezzo milione di persone (tra cui moltissimi uomini) solo a Washington. All’inizio gli organizzatori avevano previsto che nella capitale ci sarebbero state soltanto 200mila persone. Il corteo organizzato a Chicago, la città degli Obama, è stato trasformato in un comizio perché c’erano troppe persone: circa 150mila. A Boston si sono riunite 125mila persone. Ci sono state manifestazioni anche a New York, Miami, Denver e Seattle, tra le varie città americane. In Europa ce ne sono state di molto grandi a Londra, Parigi, Berlino ed Amsterdam. Tra i record raggiunti per via delle Women’s March ce n’è anche uno della metropolitana di Washington: più di  597mila persone l’hanno presa sabato, fino alle 16, come mai era successo prima durante un weekend; il giorno dell’insediamento di Trump i biglietti utilizzati sono stati 368mila.

La femminista Gloria Steinem, che ha 82 anni, è stata una delle prime a parlare sul palco di Washington e ha detto: «Questo è il lato positivo del lato negativo. Questo è uno sfogo di democrazia come non ne ho mai visti in vita mia». Hillary Clinton non ha partecipato alle manifestazioni ma scritto alcuni tweet sulle Women’s March tra cui uno in cui ha ringraziato le persone che hanno marciato nei cortei. Citando lo slogan della sua campagna elettorale, ha scritto: «Credo davvero che siamo sempre più forti insieme».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.