Manifestanti della Women's March contro Trump di Barcellona, in Spagna, il 21 gennaio 2017 (David Ramos/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 21 gennaio 2017

Le foto delle proteste delle donne contro Trump, in tutto il mondo

La più grande è la Women's March a Washington, ma ne sono state organizzate altre 672, anche in Italia

Manifestanti della Women's March contro Trump di Barcellona, in Spagna, il 21 gennaio 2017 (David Ramos/Getty Images)

Oggi negli Stati Uniti e in molti altri paesi del mondo migliaia di persone stanno partecipando alla Women’s March, la manifestazione delle donne contro il nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si è insediato ieri alla Casa Bianca. Trump, tra le altre cose, è noto per i suoi commenti sessisti e per l’atteggiamento spesso irrispettoso sia nei confronti delle donne che di persone svantaggiate, come il giornalista disabile che prese in giro durante la campagna elettorale. In uno degli episodi più famosi dell’ultima campagna elettorale, è stato scoperto un video in cui Trump si vantava di molestare sessualmente le donne.

La manifestazione principale di oggi è quella di Washington, ma ne sono state organizzate altre 672 in tutto il mondo, tra cui tre in Italia: a Roma, Milano e Firenze. Settantacinque sono in Europa, ad esempio a Londra, a Parigi, a Berlino, a Madrid e ad Amsterdam. Anche una squadra di ricercatori che attualmente si trovano nell’oceano Antartico ha aderito alla Women’s March. Il corteo organizzato a Chicago, la città degli Obama, è stato trasformato in un comizio perché ci sono troppe persone. Sul palco della manifestazione di Washington hanno parlato e parleranno molti attivisti e persone famose, tra cui il regista Michael Moore.

Anche la sindaca di Washington Muriel Bowser ha parlato dal palco, indossando, come moltissimi altri uomini e donne, un berretto fucsia, e così Amanda Nguyen, un’attivista per i diritti civili che dopo aver subito uno stupro ha fondato l’organizzazione di persone sopravvissute a violenze sessuali Rise. La manifestazione di Washington è trasmessa live dalla pagina Facebook di Women’s March, oltre che su Periscope. Hillary Clinton ha ringraziato le persone che stanno partecipando alla manifestazione con un tweet in cui, citando lo slogan della sua campagna elettorale, ha scritto: «Credo davvero che siamo sempre più forti insieme».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.