L'agricoltore francese Cedric Herrou davanti al tribunale di Nizza, il 4 gennaio 2017 (VALERY HACHE/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 7 Gennaio 2017

L’agricoltore francese sotto processo per avere aiutato dei migranti

Cédric Herrou ne ha trasportati circa duecento oltre il confine tra Italia e Francia, e ne ha ospitati a decine: sarà giudicato da un tribunale di Nizza

L'agricoltore francese Cedric Herrou davanti al tribunale di Nizza, il 4 gennaio 2017 (VALERY HACHE/AFP/Getty Images)

Il 4 gennaio l’agricoltore francese Cédric Herrou è comparso davanti al tribunale di Nizza perché ha aiutato duecento migranti ad attraversare illegalmente il confine tra Italia e Francia e ne ha ospitati 57 in un edificio occupato appartenente alla SNCF, la società ferroviaria francese, a Tenda. Herrou ha 37 anni e coltiva ulivi poco lontano dal confine italiano, in Val Roia, nel dipartimento delle Alpi Marittime. Potrebbe essere condannato fino a cinque anni di prigione e a 30mila euro di multa, ma negli scorsi giorni ha ricevuto molto sostegno da organizzazioni, attivisti e cittadini italiani e francesi che ritengono che abbia violato la legge per una causa giusta, e che non debba essere perseguito. Herrou ha incontrato alcuni dei migranti che ha aiutato lungo la strada, mentre in altri casi – in particolare per donne e minori – è andati a prenderli di persona a Ventimiglia, città ligure al confine con la Francia. È stato arrestato per la prima volta lo scorso agosto, perché stava dando un passaggio a un gruppo di migranti, ma ha continuato a trasportarli illegalmente. Nel tempo ha anche accolto – ospitato, rifocillato e curato – decine di eritrei e sudanesi in due camper e quattro tende che si trovano nel suo giardino.

Herrou ha detto di non essere pentito delle sue azioni e ha invitato la folla di trecento persone che il 4 gennaio si è raccolta fuori dal tribunale di Nizza per sostenerlo a «infrangere la legge», se necessario. Il procuratore Jean-Michel Prêtre ha riconosciuto che le motivazioni di Herrou siano «nobili» ma ha anche detto che la legge «può essere criticata, ma deve essere applicata»; ha chiesto per Herrou otto mesi di carcere, ma da sospendere con la condizionale. La sentenza sarà emessa il 10 febbraio. Secondo l’avvocato di Herrou, Zia Oloumi, il suo assistito sta applicando uno dei valori fondamentali della repubblica francese, la fratellanza. I lettori del quotidiano Nice Matin hanno eletto Herrou “Cittadino della Costa Azzurra dell’anno”, mentre il presidente del dipartimento Alpi Marittime Eric Ciotti, che fa parte del partito di centrodestra dei Repubblicani, pensa che quella di Herrou sia una «falsa generosità» e che le sue azioni siano «un insulto alle forze dell’ordine, ai doganieri e ai militari».

Herrou non è il primo francese che finisce in tribunale per aver aiutato dei migranti. Il 6 gennaio sempre il tribunale di Nizza ha stabilito in appello l’innocenza del ricercatore dell’Università di Nizza Pierre-Alain Mannoni, che a novembre era stato condannato a sei mesi di carcere per aver trasportato sulla propria auto tre persone di nazionalità eritrea, tra cui una minorenne: le tre persone erano migranti irregolari che Mannoni voleva ospitare a casa propria. Il tribunale ha riconosciuto che Mannoni aveva agito per salvaguardare la dignità delle persone coinvolte: dal 2012 la legge francese prevede che non ci sia reato in casi simili se la persona che offre il passaggio non lo fa per denaro, e se crede che le persone trasportate siano in pericolo di vita.

Altre persone che hanno subito dei processi per ragioni simili sono il militare britannico in pensione Rob Lawrie, che a gennaio 2016 ha dovuto pagare una multa di 1.000 euro per aver portato una ragazza afghana dal campo per migranti di Calais, nel nord della Francia, al Regno Unito, e l’attivista di 72 anni Claire Marsol, che a dicembre 2015 è stata condannata a pagare 1.500 euro di multa per aver aiutato due eritrei ad arrivare alla stazione di Antibes con la sua automobile, dato che alla stazione di Nizza erano in corso dei controlli della polizia.