In una delle foto sportive più famose dell'anno, Usain Bolt si volta a guardare i suoi avversari durante la semifinale dei 100 metri piani alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, il 14 agosto 2016 (Cameron Spencer/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 26 dicembre 2016

Le foto di sport più belle del 2016

L'anno delle Olimpiadi, quindi molte piste, piscine e palestre, ma anche stadi, aule di tribunale e circuiti: e cieli, mari, e qualche botta

In una delle foto sportive più famose dell'anno, Usain Bolt si volta a guardare i suoi avversari durante la semifinale dei 100 metri piani alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, il 14 agosto 2016 (Cameron Spencer/Getty Images)

L’anno pari in cui non si giocano i Mondiali è per forza l’anno delle Olimpiadi e degli Europei di calcio, che occupano praticamente l’intera estate. È uno di quegli anni in cui si imparano i nomi degli schermidori, dei velocisti e dei nuotatori. Quest’anno di nuovi grandi nomi ne ne abbiamo avuto tanti, anche perché i due più grandi hanno smesso (o lo faranno a breve) dopo aver vinto tutto. Se le ultime Olimpiadi e gli Europei di calcio in Francia non hanno lasciato un gran ricordo di sé, forse è anche perché da gennaio a dicembre ne sono successe di tutti i colori, con maledizioni infrante dopo 108 anni, squadrette di provincia che vincono il campionato di calcio più ricco e seguito al mondo e città che prendono familiarità con le vittorie prestigiose dopo decenni di anonimato e prese in giro.

Di conseguenza le foto dell’anno sportivo vengono soprattutto dalle piste e dalle piscine di Rio de Janeiro, ma c’è spazio anche per gli sport nordamericani, le aule di tribunale e i circuiti automobilistici. E poi sono belle foto, soprattutto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.