• Italia
  • mercoledì 23 novembre 2016

Mafia capitale non è mafia, secondo il Ros

Carlo Bonini racconta l’udienza del processo di martedì, che ha messo in dubbio la tesi principale dell'accusa

In video (nel riquadro grande) Massimo Carminati durante la seconda udienza del processo Mafia capitale all'interno dell'Aula Bunker di Rebibbia, il 17 novembre 2015 a Roma. (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Il giornalista di Repubblica Carlo Bonini ha raccontato com’è andata una seduta del processo in corso sul caso conosciuto come “Mafia Capitale”, in cui sono stati ascoltati due ex ufficiali del Ros, l’organo investigativo dei Carabinieri, che si erano occupati delle indagini. Ippolita Naso, avvocato della difesa di Massimo Carminati, il principale imputato del processo insieme a Salvatore Buzzi, ha chiesto agli ufficiali se i metodi riscontrati nelle azioni delle cooperative oggetto dell’inchiesta erano di stampo mafioso, e loro hanno detto di no, che era un normale sistema di corruzione.

Roma, le deposizioni di due ex ufficiali del Ros, ora nei Servizi, autori delle indagini: “Era corruzione”. Nell’aula del processo Mafia Capitale, esattamente come era accaduto con la deposizione di Raffaele Cantone, una nuova testimonianza, questa volta di un ex ufficiale dei carabinieri oggi passato ai Servizi, consente alle difese di tenere vivo il dubbio su quella parola, mafia, che di questo processo è il cuore.
Perché nelle oltre tre ore di deposizione del maggiore Francesco De Lellis, già comandante di sezione di uno dei due Reparti del Ros che hanno condotto l’indagine sul Sistema Carminati- Buzzi, contano alla fine le due risposte chiave alle domande proposte da Ippolita Naso, avvocato della difesa di Massimo Carminati.
“Nelle indagini che avete condotto sull’acquisizione degli appalti da parte delle cooperative di Buzzi, avete mai riscontrato le caratteristiche del metodo mafioso?”. De Lellis prende una pausa. Dice: “Sulle caratteristiche mafiose dell’organizzazione lavorava il reparto Anticrimine del Ros del colonnello Stefano Russo”.
La Naso insiste. “Questo lo so. Ma voi, come secondo Reparto, questo metodo mafioso lo avete riscontrato, o no?”. “No”, concede De Lellis. Quindi, l’affondo. “Sempre in relazione all’acquisizione degli appalti, avete riscontrato episodi di ricorso alla violenza o all’intimidazione mafiosa?”. “No. Noi per le questioni che riguardavano la nostra indagine non abbiamo riscontrato questi episodi”.

(Continua a leggere su ristretti.org)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.