(ANSA/ MATTEO BAZZI)
  • Italia
  • venerdì 11 novembre 2016

Le foto dei funerali di Umberto Veronesi

Si sono tenuti stamattina a Milano a Palazzo Marino: c'erano Giuseppe Sala, Maria Elena Boschi ed Emma Bonino, tra gli altri

(ANSA/ MATTEO BAZZI)

Venerdì mattina alle 11, nella sala Alessi di Palazzo Marino, la sede del comune di Milano, si sono svolti i funerali laici di Umberto Veronesi, uno dei più famosi oncologi del mondo, morto a Milano martedì 8 novembre, a 90 anni. Ai funerali hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Milano Giuseppe Sala (che ha aperto la cerimonia con un discorso commosso), la ministra alla Riforme Maria Elena Boschi ed Emma Bonino, ex ministra degli Esteri e da decenni tra i principali esponenti del Partito Radicale. Molte persone hanno assistito alla cerimonia dai maxischermi montati in piazza della Scala e nel cortile di Palazzo Marino.

Veronesi era noto non solo per i risultati del suo lavoro come medico e la sua autorevolezza nel campo, ma anche per il suo impegno pubblico e intenso sulla ricerca e sulla prevenzione e come intellettuale intervenuto più volte nei dibattiti etici italiani: ed era stato senatore eletto col Partito Democratico, e ministro della Sanità tra il 2000 e il 2001 nel governo Amato.

Veronesi era nato a Milano nel 1925 (avrebbe compiuto 91 anni il prossimo 25 novembre) ed era stato a lungo direttore dell’Istituto Nazionale dei Tumori, una delle strutture ospedaliere più importanti del settore, prima di creare nel 1991, sempre a Milano, un proprio ospedale, l’Istituto Europeo di Oncologia, dove si recava ancora a lavorare assiduamente fino a poche settimane fa quando le sue condizioni di salute si erano aggravate.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.