Andy Murray ai BNP Paribas Masters (Dan Mullan/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 5 novembre 2016

Andy Murray è il nuovo numero uno del tennis

Ha superato Novak Djokovic, che è rimasto al primo posto del ranking mondiale per più di due anni: per Murray è la prima volta in carriera da numero uno

Andy Murray ai BNP Paribas Masters (Dan Mullan/Getty Images)

Andy Murray, 29enne scozzese fra i tennisti più forti della sua generazione, è diventato per la prima volta nella sua carriera il numero uno del ranking mondiale dopo 72 settimane passate in seconda posizione. Murray ha superato il serbo Novak Djokovic, che occupava la prima posizione da 122 settimane, cioè più di due anni. Murray è diventato numero uno senza giocare: ha ottenuto la prima posizione qualificandosi alla finale del torneo di Parigi-Bercy grazie al ritiro per infortunio del canadese Milos Raonic. Murray giocherà quindi la finale del torno Parigi-Bercy contro John Isner domenica pomeriggio.

Il tweet celebrativo della madre di Murray, che è un’allenatrice di tennis

Ad agosto, dopo aver battuto in finale l’argentino Juan Martin Del Potro, Andy Murray era diventato l’unico tennista nella storia delle Olimpiadi a vincere due ori nel torneo singolare olimpico, avendo vinto la medaglia d’oro anche alle Olimpiadi di Londra del 2012. In carriera Murray ha vinto due tornei di Wimbledon, una volta gli US Open, e ha ottenuto una decina di vittorie nei Masters e nei World Tour. Era da ottant’anni che un britannico non saliva al primo posto del ranking mondiale: a farlo l’ultima volta fu lo storico tennista Fred Perry. Djokovic, che fino a qualche mese fa sembrava imbattibile ed è il più forte tennista degli ultimi anni, negli ultimi tempi sta avendo diversi problemi fisici e di prestazione, giocando sotto al suo livello.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.