(Mark Thompson/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 31 ottobre 2016

Lo sfrontato Max Verstappen

Il Gran Premio del Messico di Formula 1 ha avuto un finale movimentato per via di un pilota giovane, talentuoso e secondo alcuni scorretto

(Mark Thompson/Getty Images)

La sera del 30 ottobre c’è stato il Gran Premio del Messico, il terzultimo Gran Premio del Mondiale 2016 di Formula 1. Ha vinto Lewis Hamilton, della Mercedes, davanti a Nico Rosberg, anche lui della Mercedes: sono due dei migliori piloti e guidano le auto migliori, e saranno loro a giocarsi la vittoria del Mondiale nelle ultime due gare. Dietro di loro però negli ultimi giri è successo di tutto, soprattutto grazie a – o per colpa di – Max Verstappen, giovane e forte pilota olandese della Red Bull.

Tenendo da parte il campionato quasi a sé che fanno le Mercedes, infatti, del Gran Premio di ieri si ricorderanno due cose: un finale insolitamente vivace (per gli standard della Formula 1) e l’ennesimo caso in cui Verstappen ha fatto parlare di sé, proprio in quanto protagonista e causa scatenante di quel vivace finale. Secondo qualcuno – spettatori e tifosi, soprattutto – Verstappen è un giovane talento, sfrontato e capace di far divertire; secondo altri – molti esperti e quasi tutti i piloti – Verstappen è arrogante, irruento e noncurante dei regolamenti, a volte persino pericoloso per sé e per gli altri piloti.

Cos’è successo negli ultimi giri del Gran Premio del Messico

Al 68esimo dei 71 giri del Gran Premio del Messico, Verstappen era terzo e Sebastian Vettel – pilota tedesco della Ferrari – ha provato a superarlo. Verstappen ha quindi “tagliato” una chicane per non farsi superare. È una cosa che non si può fare (tranne che in casi eccezionali) e un po’ prevedendo una possibile sanzione, un po’ per una sorta di codice-non-scritto tra piloti, ci si aspettava che Verstappen facesse passare Vettel: gliel’ha persino detto via radio la sua squadra, di farlo passare. Verstappen non l’ha fatto ed è arrivato al traguardo terzo, davanti a Vettel e a Daniel Ricciardo (anche lui pilota Red Bull), che è arrivato quinto.

In più negli ultimi tre giri, mentre Verstappen non faceva passare Vettel (facendolo quindi andare più piano), Ricciardo si è avvicinato a Vettel, ha cercato di superarlo e non c’è riuscito, perché Vettel a sua volta ha fatto una mossa contro il regolamento, per impedire a Ricciardo di superarlo. Alla fine del Gran Premio Verstappen è stato penalizzato di cinque secondi e, in seguito, Vettel è a sua volta stato penalizzato con dieci secondi “per difesa irregolare”. È quindi cambiato l’ordine d’arrivo finale:

1. Lewis Hamilton / Mercedes 1:40:31.402
2. Nico Rosberg / Mercedes +00:08.354
3. Daniel Ricciardo / Red Bull – TAG Heuer +00:20.858
4. Max Verstappen / Red Bull – TAG Heuer +00:21.323
5. Sebastian Vettel / Ferrari +00:27.313

Verstappen e Vettel, ieri

Come si sente ascoltando le cose che ha detto in radio (in inglese), ieri sera Vettel non era propriamente ben disposto nei confronti di Verstappen. Se Verstappen lo avesse fatto passare dopo quel taglio di curva, Vettel sarebbe quasi di certo arrivato sul podio. Invece Vettel è rimasto dietro a Verstappen, si è dovuto difendere da Ricciardo, ha esagerato (forse perché nervoso) e alla fine è arrivato quinto. Dopo l’arrivo Vettel si è affiancato a Verstappen e gli ha agitato davanti l’indice, come a dire “così non si fa” (facendo una cosa simile a quanto anni fa Ayrton Senna fece a un giovane Michael Schumacher).

https://twitter.com/FansOfSebVettel/status/792855415579111424

A fine gara Verstappen ha detto: «Non ero sicuro di doverlo fare perché non mi era stato confermato», e parlando di Vettel ha detto: «Seb oggi ha fatto davvero l’idiota, urla alla radio, e poi ha fatto la stessa cosa con Daniel [Ricciardo]: io non mi sono mai permesso di fare come lui».

Verstappen, quest’anno

Verstappen ha 19 anni e corre in Formula 1 da due stagioni. Il 15 maggio – giorno della sua prima gara con la Red Bull – ha ottenuto la sua prima vittoria (era anche il suo primo podio), diventando il pilota più giovane ad aver mai vinto un Gran Premio di Formula 1 (e battendo un record che era di Vettel). Dopo quella vittoria Verstappen è arrivato quattro volte secondo, sei volte tra i primi dieci e in due occasioni si è ritirato. Ha quindi fatto un campionato ottimo, considerando la sua età e che è arrivato alla Red Bull quando il Mondiale di Formula 1 era già iniziato.

Verstappen ha debuttato in Formula 1 nel 2015 e da anni se ne parla come di un pilota potenzialmente molto forte. È figlio di Jos Verstappen, ex pilota di Formula 1, ed è nipote e cugino di altri piloti professionisti (non di Formula 1). È olandese ma sua madre è belga, e ha quindi doppia nazionalità. Ha iniziato a correre nei kart nel 2005, nel 2014 ha corso in Formula 3 finendo al terzo posto in classifica (e vincendo dieci gare) e il 3 ottobre 2014 ha guidato un’auto di Formula 1 durante le prove libere del Gran Premio del Giappone (non partecipò però alla successiva gara).

Verstappen è senza dubbio un grande talento ma è considerato ancora grezzo, motivo per cui è stato criticato per il suo comportamento in almeno quattro degli ultimi dieci Gran Premi (Ungheria, Germania, Belgio e Messico). A criticarlo sono stati molti degli altri piloti – durante una gara Kimi Raikkonen lo ha definito ridicolo, dicendo in radio «il suo unico interesse è buttarmi fuori di pista» – ed ex piloti (ha avuto un brutto botta-e-risposta con Jacques Villeneuve). In più di un’occasione la FIA, la federazione a capo della Formula 1, ha fatto riunioni, anche con i piloti, per discutere lo stile di guida di Verstappen. Uno dei pochi che difende Verstappen è Ricciardo, che ha detto: «Deve solo trovare un giusto equilibrio, lo troverà». Di chi lo critica, Verstappen ha detto: «Ho sempre pensato fosse una buona cosa quando la Formula 1 parla di te. Che parlino bene o male conta poco. Finché parlano di te è una buona cosa».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.