Le foto della manifestazione per il “Sì” a Roma

Migliaia di persone sono arrivate in piazza del Popolo per ascoltare il discorso di Matteo Renzi, e c'era anche Gianni Cuperlo

Sabato pomeriggio c’è stata a Roma la manifestazione a sostegno del “Sì” al referendum Costituzionale del 4 dicembre organizzata dal Partito Democratico. L’intervento principale, iniziato intorno alle 17, è stato quello del presidente del Consiglio e segretario del PD Matteo Renzi, che ha concentrato i suoi attacchi contro i “populismi”, parlando del rischio che rappresentano anche per gli Stati Uniti. Rivolgendosi alla piazza all’inizio del suo intervento, Renzi ha detto: «Come sono belle le riunioni in streaming ma quanto è bello tornare ad abbracciarsi in piazza. Il nostro destino non è litigare al nostro interno ma cambiare l’Italia».

Anche il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha fatto un breve intervento dal palco. In piazza c’era anche il deputato ed esponente della minoranza del partito Gianni Cuperlo, impegnato in una trattativa con la maggioranza sulle modifiche da apportare alla legge elettorale. Cuperlo era l’unico tra i leader della minoranza a essere in piazza oggi, ma c’erano quasi tutti i ministri del Partito Democratico, tra cui Maria Elena Boschi, Marianna Madia e Paolo Gentiloni.

A proposito della discussione in corso, dal palco, Matteo Renzi ha detto: «Non si usi la legge elettorale come alibi perché siamo pronti a cambiarla. Il punto non è più questo ma è se vogliamo continuare a guardare soltanto la nostra storia o ci va di parlare finalmente del futuro del Paese». Alle domande dei giornalisti presenti, Cuperlo ha risposto che Renzi dovrebbe chiudere rapidamente la trattativa in corso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.