• TV
  • martedì 18 ottobre 2016

Che cos’è “I Medici”

Una nuova serie tv della Rai sulla potente famiglia fiorentina, che inizia questa sera con molte aspettative

La serie televisiva I Medici  è una nuova serie prodotta dalla Rai, e il cui primo episodio andrà in onda martedì 18 ottobre su Rai 1, alle 21.15. I Medici racconta l’ascesa al potere a Firenze della famiglia Medici, concentrandosi sulla figura di Cosimo De Medici, che diventò la persona più potente della città nella prima metà del Quattrocento. Sui Medici ci sono aspettative maggiori rispetto alle normali produzioni della Rai: è una serie su cui la rete ha investito molto, in termini di soldi e di promozione, e nel cast ci sono tra gli altri Dustin Hoffman e Richard Madden, famoso per aver interpretato Robb Stark nella serie fantasy Game of Thrones. Le ambizioni riposte dalla Rai nella serie si possono dedurre, tra le altre cose, dall’esordio del trailer, che la presenta sobriamente come “L’evento più atteso dell’anno”.

I Medici sarà composta da 8 episodi da 50 minuti l’uno: martedì sera andranno in onda i primi due, che si chiamano “Il peccato originale” e “La cupola e la dimora”. Le altre puntate saranno trasmesse nei prossimi tre martedì.

I creatori della serie sono due americani, Frank Spotnitz e Nicholas Meyer. Spotnitz è un regista con una lunga esperienza nella televisione americana: è stato uno dei principali produttori di X-Files, la famosissima serie di fantascienza degli anni Novanta. Più recentemente, Spotnitz ha ideato The Man in the High Castle, una serie tv di Amazon basata su un racconto di Philip Dick che racconta una storia alternativa del mondo in cui i nazisti non hanno perso la Seconda guerra mondiale. Meyer invece ha 71 anni, ed è famoso soprattutto per un libro che ha scritto, La soluzione settepercento, un giallo del 1974 su Sherlock Holmes, che ebbe molto successo negli Stati Uniti. Ha diretto anche alcuni film: L’uomo venuto dall’impossibile del 1979, con Malcom McDowell, e due film della saga fantascientifica Star Trek. Tra gli attori, oltre a Hoffman – che interpreta Giovanni de’ Medici – e a Madden – che interpreta suo figlio Cosimo – ci sono Miriam Leone e Guido Caprino (entrambi tra i protagonisti della serie di Sky 1992), Sarah Felberbaum, Alessandro Preziosi e Brian Cox, attore scozzese che ha recitato in molti film famosi, da Manhunter – Frammenti di un omicidio Match Point.

La Rai ha diffuso in anteprima i primi cinque minuti del primo episodio dei Medici: la prima cosa che si vede è la sigla, cantata dalla cantante Skin, e le cui immagini ricordano molto quella di Westworld o di True Detective. Poi si vede un funerale a Firenze, e Giovanni de’ Medici, il personaggio di Dustin Hoffman, in una vigna fuori dalla città: si scopre che il funerale è proprio il suo, che muore, forse avvelenato, dopo aver mangiato dell’uva. La serie infatti racconta l’ascesa al potere del figlio Cosimo (Madden), che nella prima metà del Quattrocento instaurò a Firenze una signoria definita “de facto”: non ebbe infatti un vero incarico istituzionale, ma controllò la politica della città fino alla sua morte nel 1464, attraverso persone di fiducia. Cosimo de’ Medici diede inizio al potere della sua famiglia a Firenze, che durò con fortune alterne per quasi tre secoli, allargandosi per un lungo periodo all’intera Toscana. Cosimo de’ Medici era il nonno di Lorenzo de’ Medici, “il Magnifico”. È probabile che, nonostante muoia nella prima scena, il personaggio di Hoffman abbia un ruolo importante nella serie. Giovanni de Bicci de’ Medici fu quello che creò le premesse per la fortuna dei Medici: fu un ricco banchiere, e attirò il consenso dei fiorentini meno ricchi sulla sua famiglia battendosi per l’istituzione del catasto, un sistema per tassare i cittadini sulle proprietà e non sui consumi.

La serie ha molte inesattezze storiche, a partire dalle cause della morte di Giovanni de Bicci de’ Medici: nella serie il fatto che sia stato avvelenato è centrale nella trama, perché l’inizio si concentra sulle indagini di Cosimo per scoprire chi sia il responsabile. Movieplayer ne ha parlato con Spotnitz, che ha spiegato che «le forzature storiche ci sono. Dopo aver fatto ricerca abbiamo capito che non potevamo sempre essere fedeli alla realtà. I film che mi hanno ispirato maggiormente per questo lavoro sono Il padrino e Amadeus, pellicole che contengono molte invenzioni. Per quanto ci riguarda, di alcuni personaggi sapevamo troppo poco, alcuni fattici storici sono narrati da fonti diverse che non combaciano. Mi auguro che il pubblico comprenda i motivi per cui abbiamo introdotto dei cambiamenti». Il sito Cinematographe ha scritto che dal primo episodio I Medici sembra «una serie avvincente, romanzata quanto basta per rendere accattivante il dramma storico e familiare di una delle famiglie più potenti dell’Italia rinascimentale». La serie è piaciuta anche a Wired, che però ha notato come i dialoghi non siano al livello delle serie che I Medici vorrebbe imitare.

I Medici sarà trasmessa anche in Ultra HD, su Rai 1 HD (canale 501 del digitale terrestre). Andrà in onda la versione doppiata in italiano, ma chi ha una televisione abbastanza recente potrà vederla in lingua originale, con i sottotitoli (nella serie anche gli attori italiani recitano in inglese). Alcune ambientazioni sono realizzate al computer, mentre altre scene sono state girate davvero nei palazzi antichi di Firenze, da Palazzo Vecchio al Duomo, oltre che in diverse altre città medievali della Toscana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.