• Mondo
  • lunedì 10 ottobre 2016

L’ISIS vuole davvero sterminare i gatti?

Se lo leggete sui siti di news italiani e su Facebook, prima di commentarla sappiate che probabilmente non è vero

I principali siti di news italiani riportano oggi la notizia che lo Stato Islamico (o ISIS) avrebbe emanato una fatwa contro i gatti. La fatwa, cioè una sentenza emessa da un’autorità religiosa e vincolante, sarebbe stata emanata a Mosul, la più grande e importante città irachena ancora sotto il controllo dello Stato Islamico, e autorizzerebbe/obbligherebbe tutti gli abitanti a requisire gli animali e ucciderli (lo hanno scritto Repubblica, Corriere e Stampa, tra gli altri). La fonte della notizia, pubblicata per la prima volta una settimana fa, è il sito iracheno al Sumaria, non proprio una garanzia di autorevolezza e credibilità. Oltretutto nel suo breve articolo al Sumaria non parla di requisire e uccidere tutti i gatti: dice solo che la fatwa emessa dallo Stato Islamico vieta di tenere i gatti in casa.

La notizia non è stata ripresa da nessun importante e autorevole quotidiano o sito di news internazionale. È circolata su alcuni siti minori e non è chiaro in che momento si sia trasformata da un divieto di tenere i gatti in casa a uno “sterminio” degli stessi animali. Un’ipotesi che si può fare è che la fonte (diretta o indiretta) di diversi siti italiani sia stato il Daily Mail, il tabloid britannico la cui serietà è stata messa in dubbio innumerevoli volte in passato. Il 5 ottobre il Daily Mail ha pubblicato la notizia sullo Stato Islamico e i gatti, citando a sua volta Iraqi News, un piccolo sito di news in inglese. Iraqi News parlava solo del divieto di tenere i gatti in casa, ma il Daily Mail ha aggiunto alcune formulazioni ambigue, come “a caccia” ed “epurazione” dei gatti, che potrebbero avere indotto altre testate poco attente a inserire nella notizia anche la parte dell’uccisione degli animali.

Non è la prima volta che alcuni giornali italiani si affidano a siti poco affidabili per riportare notizie dubbie sullo Stato Islamico (e comunque si potrebbe discutere in questo caso sul significato della parola “notizia”). Nel marzo 2015 Vice aveva raccolto parecchie bufale, definendole un “nuovo sottogenere giornalistico”. Nel 2016 ci sono stati molti altri casi di notizie molto dubbie o palesemente false: per esempio questo e questo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.