L'incidente tra Sebastian Vettel e Nico Rosberg (Clive Rose/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 2 ottobre 2016

Daniel Ricciardo ha vinto il GP della Malesia di Formula 1

Davanti al compagno di squadra Max Verstappen, ma durante la gara è successo un po' di tutto: Vettel è uscito alla prima curva, Hamilton ha rotto il motore

L'incidente tra Sebastian Vettel e Nico Rosberg (Clive Rose/Getty Images)

Il pilota australiano della Red Bull Daniel Ricciardo ha vinto il Gran Premio della Malesia di Formula 1 dopo aver concluso la gara con circa due secondi di vantaggio sul compagno di squadra Max Verstappen. Ha terminato il Gran Premio in terza posizione invece Nico Rosberg della Mercedes, pilota in testa al Mondiale che oggi ha guadagnato molti punti di vantaggio sul compagno di squadra Lewis Hamilton, che al 41esimo giro ha rotto il motore e si è dovuto ritirare dalla corsa. L’unica Ferrari ad aver tagliato il traguardo è stata quella di Kimi Raikkonen, quarto, mentre Sebastian Vettel si è ritirato dopo un incidente avvenuto alla prima curva che ha coinvolto anche Rosberg e Verstappen.

 

***

Domenica mattina alle 9 – ora italiana – la Formula 1 corre sul circuito di Sepang il Gran Premio della Malesia, il 16esimo Gran Premio del Mondiale di Formula 1 (in tutto ne mancano sei alla fine). A partire primo in Malesia sarà il pilota della Mercedes Lewis Hamilton, con dietro il compagno di squadra Nico Rosberg e le due Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. Dal quinto e dal sesto posto partiranno invece le due Ferrari di  Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. In testa al Mondiale c’è Nico Rosberg con 273 punti, otto in più del compagno di squadra Lewis Hamilton. Considerando la distanza degli altri piloti — il terzo, Ricciardo, ha 179 punti — in questi ultimi sei Gran Premi Rosberg e Hamilton sono gli unici piloti in grado di giocarsi la vittoria finale.

La Formula 1 corre sul circuito di Sepang dal 1999 e il record della pista è stato stabilito nelle qualifiche di ieri da Lewis Hamilton, che ha concluso un giro in 1:32.850. I piloti dovranno percorre la pista di Sepang, che è lunga 5,5 chilometri, per 56 giri e per un totale di 310,4 chilometri.

1475051051688

Il circuito di Sepang venne costruito negli anni Novanta durante il rapido processo di industrializzazione della Malesia promosso dall’allora primo ministro Mahathir Mohamad. In quegli anni anche Petronas, una delle società petrolifere più importanti al mondo— con sede in Malesia — iniziò a sponsorizzare e investire nel mondo della Formula 1, così come la Proton, casa automobilistica malese, che acquistò la Lotus, nota casa automobilistica britannica. La Malesia entrò definitivamente nel mondo delle corse nel 1998, quando il circuito di Sepang venne inaugurato: oggi è considerato uno dei circuiti più tecnici del Mondiale di Formula 1.

L’ultimo Gran Premio del Mondiale si è corso il 18 settembre a Singapore ed è stato vinto da Nico Rosberg, che ha concluso la gara davanti a Daniel Ricciardo e Lewis Hamilton, che è stato anche superato al primo posto nella classifica piloti del Mondiale. Le due Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel si sono piazzate al quarto e al quinto posto.

Chi trasmette il GP della Malesia

Il Gran Premio della Malesia di Formula 1 si correrà domenica mattina alle 9 italiane e sarà trasmesso in diretta da Sky su Sky Sport 1 e Sky Sport F1 HD, o in streaming da pc, tablet e smartphone con Sky Go. La gara sarà trasmessa in chiaro e in differita dalla Rai su Raidue a partire dalle 14.10.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.