Beppe Grillo: «Io sono il capo»

Lo ha detto ai giornalisti che gli chiedevano del suo famoso «passo di lato», prima della manifestazione del Movimento 5 Stelle a Palermo

(ANSA / MICHELE NACCARI)

Oggi e domani al Foro Italico di Palermo è in programma il raduno nazionale del Movimento 5 Stelle. Prima dell’inizio degli interventi sul palco, Beppe Grillo ha risposto ad alcune domande dei giornalisti. A uno di loro, che gli domandava della sua passata decisione di farsi da parte nella guida del partito, Grillo ha risposto lasciando intuire che quella strategia non ha funzionato, aggiungendo:

«Io sono il capo»

Poco dopo, Grillo ha aggiunto:

«Io farò il capo politico, prenderò delle decisioni, perché alla fine qualcuno deve prendere delle decisioni, prima le prendeva Casaleggio e le prendevamo insieme, era diverso. Adesso sono da solo. Ci sono a tempo pieno, nessun passo di lato. Vogliamo dimostrare che possiamo governare Torino, Roma, Palermo, Genova, Livorno anche con gli sbagli che abbiamo fatto. Questa storia ci serve e ci dà degli anticorpi»

Lo scorso gennaio Grillo aveva annunciato diverse volte un suo “passo di lato”, cioè un disimpegno dalla guida del Movimento 5 Stelle. Nello stesso periodo aveva nominato un direttorio formato da cinque parlamentari del Movimento incaricati di coordinarne l’attività. In seguito a una serie di problemi interni al Movimento, iniziati con la vittoria di Virginia Raggi, in molti avevano ipotizzato un suo ritorno alla politica e un depotenziamento del direttorio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.