• Mondo
  • martedì 13 settembre 2016

Sconfiggiamo l’ISIS, e poi?

In Iraq e Siria potrebbero cominciare almeno 10 guerre e una è già in corso, ha spiegato il Washington Post

di Liz Sly – The Washington Post
Dei soldati turchi di ritorno da Jarablus, una città sul confine tra Siria e Turchia, il 2 settembre 2016 (Bulent Kilic/AFP/Getty Images)

I confini del Califfato Islamico – lo stato creato dallo Stato Islamico, o ISIS – si stanno restringendo rapidamente. Le roccaforti del gruppo in Iraq e Siria stanno crollando una dopo l’altra. La guerra guidata dagli Stati Uniti è arrivata al punto in cui iniziano a emergere domande sul futuro. A oggi, la risposta è semplice: ci saranno altre guerre. Questo si deve in parte al fatto che la strategia americana per sconfiggere lo Stato Islamico fa affidamento su una serie di alleati nella regione e gruppi armati locali che sono spesso in aspro conflitto l’uno con l’altro: tutti considerano lo Stato Islamico un nemico, ma tra questi tutti ci sono molte inimicizie. Diversi gruppi rivendicano uno stesso territorio finito sotto il controllo dello Stato Islamico, e la guerra per liberarlo rischia sempre di creare nuovi conflitti. Sono in vista nuove guerre per il controllo dell’ordine post-Stato Islamico.

Di seguito, una lista di questi conflitti, in ordine sparso: ce ne sono certamente altri, mentre alcuni potrebbero non iniziare mai. Ma ognuna di queste guerre potenziali potrebbe aumentare le possibilità di sopravvivenza dello Stato Islamico, perpetuando le condizioni che hanno permesso al gruppo di prosperare e, forse, invischiando gli Stati Uniti nella regione per molti anni.

1. I curdi (appoggiati dagli americani) contro le forze arabe (appoggiate dalla Turchia)

È una guerra già iniziata, oltre che molto complicata. Il governo turco, che sta combattendo una guerra contro i separatisti curdi nel sud della Turchia, ha guardato con preoccupazione i curdi siriani che hanno sfruttato il sostegno degli Stati Uniti per espandere il loro controllo nel nordest della Siria. Anche gli arabi siriani alleati della Turchia sono contrari all’espansione dei curdi, che sta sconfinando in territorio arabo. Quando due settimane fa la Turchia è intervenuta in Siria per aiutare i ribelli arabi siriani a conquistare alcuni territori sotto il controllo dello Stato Islamico, è stato chiaro che l’obiettivo dell’operazione fossero tanto i curdi quanto lo Stato Islamico (la questione è spiegata meglio qui). Da allora tra curdi e forze arabe appoggiate dalla Turchia (principalmente l’Esercito Libero Siriano) sono cominciati scontri intensi: e nonostante gli Stati Uniti abbiano chiesto a entrambe le parti di fermarsi, non è chiaro quanta influenza abbiano gli americani per impedire un peggioramento del conflitto.

arabi-curdiIl nord della Siria: la parte colorata di verde chiaro è il territorio sotto il controllo dei curdi, quella in verde di tonalità media sotto il controllo degli arabi appoggiati dai turchi (l’Esercito Libero Siriano), quella grigio-scura sotto il controllo dello Stato Islamico. Come si vede dalla mappa, gli arabi appoggiati dai turchi hanno conquistato alcuni territori al confine con la Turchia prima controllati dallo Stato Islamico (come Jarablus) ma che erano l’obiettivo anche dei curdi. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

2. I turchi contro i curdi siriani

Questa guerra è simile alla prima, ma più grande. Per il momento la Turchia ha limitato la sua incursione in Siria a un’area occupata dallo Stato Islamico a maggioranza araba. Ma la Turchia è altrettanto preoccupata dallo stato curdo non ufficiale che sta nascendo più a est lungo il confine turco. Quest’anno i curdi hanno proclamato una regione autonoma nella zona, e ora la Turchia sta costruendo un muro lungo il confine per provare a isolarla. Se le tensioni dovessero persistere, un’invasione diretta della Turchia nell’area curda – dove c’è anche un piccolo gruppo di truppe americane – non può essere esclusa.

turchia-siriaIl nord della Siria, al confine con la Turchia: la parte colorata di verde chiaro è il territorio sotto il controllo dei curdi, quello che la Turchia guarda con preoccupazione. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen

3. I curdi siriani contro il governo siriano

Anche il governo siriano si sente minacciato dalle ambizioni territoriali dei curdi. Fino a poco tempo fa i curdi avevano mantenuto una specie di alleanza con il governo siriano e il presidente siriano Bashar al Assad si era vantato in diverse occasioni del fatto che il suo governo fornisse armi ai curdi. Ma dalla dichiarazione d’indipendenza dei curdi il rapporto si è fatto più teso, e le due parti hanno combattuto brevi battaglie in zone dove hanno entrambe dei soldati (per esempio nella città orientale di Hasakah). Ora è in vigore una tregua, ma le aspirazioni di auto-governo dei curdi sono in diretto conflitto con l’obiettivo dichiarato di Assad di riaffermare la sovranità siriana sull’intero territorio.

hasakahIl nord-est della Siria: la parte colorata di verde chiaro è il territorio sotto il controllo dei curdi, la città di Hasakah è divisa tra curdi e altre forze alleate ma contesa con Assad (le forze di Assad sono quelle rappresentate dal colore rosso). La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

4. Stati Uniti contro Siria

Questa è una guerra che sarebbe potuta cominciare diverse volte nei cinque anni di conflitto siriano. Il fatto che non sia ancora successo è una prova di quanto Stati Uniti e governo di Assad vogliano evitare di combattersi: per il momento uno sviluppo bellico di questo tipo continua a sembrare improbabile. Ci sono però dei fronti di guerra che potrebbero portare alcuni gruppi sostenuti dagli Stati Uniti a scontrarsi direttamente con le forze governative siriane. Potrebbe succedere per esempio a Raqqa, la città siriana più importante sotto il controllo dello Stato Islamico: a giugno soldati statunitensi e siriani fecero pressione su Raqqa da direzioni opposte. Il mese scorso, le forze armate statunitensi hanno fatto decollare degli aerei americani per impedire agli aerei da guerra siriani di bombardare i curdi.

raqqaLa Siria centrale, con in mezzo Raqqa: la parte colorata di grigio-nero è sotto il controllo dello Stato Islamico, quella in verde chiaro è sotto il controllo dei curdi e quella in rosso è sotto il controllo del governo di Assad. A giugno si parlò di un’operazione per riconquistare Raqqa: lo volevano sia Assad, che sarebbe arrivato da ovest, sia gli Stati Uniti che appoggiavano i curdi, i quali sarebbero arrivati da nord. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

5. Turchia contro Siria

Per ora l’intervento turco in Siria si è limitato a combattere lo Stato Islamico e le forze curde. La Turchia ha anche fatto dei passi per migliorare il suo rapporto con Russia e Iran, i più importanti alleati di Assad, che a sua volta sembra aver dato l’approvazione all’intervento turco nel nord della Siria dell’ultima settimana di agosto. Se la guerra della Turchia contro lo Stato Islamico dovesse andare a buon fine, tuttavia, le forze turche si troverebbero presto contro il fronte del governo siriano intorno alla città contesa di Aleppo, e le cose potrebbero complicarsi.

aleppoLa Siria nord-occidentale. Questa ipotesi di conflitto immagina che l’Esercito Libero Siriano (appoggiato dai turchi, in verde di tonalità media), riesca a conquistare altri territori oggi controllati dai curdi siriani (verdi chiari) o dallo Stato Islamico (grigi) sotto la città di Mare’, fino a scontrarsi con le forze di Assad (rossi) a nord di Aleppo. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

6. Curdi iracheni contro governo iracheno

In Iraq la situazione al momento è meno instabile, ma non meno complicata o pericolosa. Come i curdi siriani, che hanno ampliato i loro territori minacciando la sovranità del governo siriano, anche i curdi iracheni si sono spostati in zone dell’Iraq che in passato erano sotto il controllo del governo iracheno. Il governo iracheno appoggiato dagli Stati Uniti dice che intende riappropriarsi dei territori perduti, una volta sconfitto definitivamente lo Stato Islamico. I curdi appoggiati dagli Stati Uniti – sì, gli Stati Uniti appoggiano entrambi – hanno però detto che non rinunceranno a nessun territorio che hanno conquistato a fatica, e nelle cui battaglie sono morti dei loro soldati. La disputa tra curdi iracheni e governo iracheno è precedente all’esistenza dello Stato Islamico, ma potrebbe emergere con ancora più intensità e violenza una volta eliminato lo stesso Stato Islamico dall’Iraq.

iraqIl nord dell’Iraq: la parte colorata di verde chiaro è il territorio sotto il controllo dei curdi, quella grigia/nera sotto il controllo dello Stato Islamico, quella rossa sotto il controllo del governo iracheno. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

7. Curdi iracheni contro milizie sciite

È una guerra di cui ci sono già state le prime avvisaglie. Le milizie sciite, molte delle quali appoggiate dall’Iran, hanno avuto un ruolo importante nella riconquista di territori iracheni che erano finiti sotto il controllo dello Stato Islamico. La loro presenza è arrivata fino alla zona a nord di Baghdad, la capitale dell’Iraq, città a maggioranza sciita; allo stesse tempo anche le milizie curde peshmerga – alleate degli Stati Uniti – hanno partecipato alla guerra contro lo Stato Islamico, raggiungendo gli stessi territori delle milizie sciite. Tra i due gruppi ci sono stati scontri in almeno una città, Tuz Khormato. Gli stessi curdi, però, non sono compatti – né in Siria né in Iraq – il che potrebbe dare origine al prossimo conflitto.

iraq-centraleL’Iraq nord-orientale, controllato principalmente dai curdi iracheni (verde chiaro) e con al centro la città di Tuz Khormato, oggi sotto il controllo dei curdi. Qui ci sono stati degli scontri tra curdi iracheni, provenienti da nord, e milizie sciite, provenienti da sud e comprese nella zona colorata di rosso, che indica i territori controllati dal governo iracheno. La mappa è stata realizzata da Thomas van Linge e pubblicata sul blog di Pieter van Ostaeyen.

8. Curdi contro curdi

Di tutti questo è forse lo scenario più complicato, ma non è per niente improbabile. I curdi sono molto divisi tra loro su qualsiasi cosa eccetto l’aspirazione ad avere uno stato curdo. I curdi dell’Iraq sono divisi in due fazioni che negli anni Novanta combatterono una violenta guerra civile. Una di queste fazioni è acerrima nemica dei curdi che controllano il nord della Siria, mentre l’altra è una sua alleata. E anche i curdi siriani sono divisi. Dei conflitti tra gruppi di curdi alleati degli Stati Uniti sono possibili, in Iraq, in Siria, o in entrambi i paesi.

mappa-bbcIl territorio controllato dai curdi in Iraq e in Siria (quello grigio chiaro) in una mappa di BBC

9. Arabi sunniti contro sciiti e/o curdi

In Iraq nel tentativo di sconfiggere lo Stato Islamico, città e piccoli paesi a maggioranza sunnita sono stati conquistati da gruppi curdi o sciiti. Molti sunniti hanno deciso di schierarsi con loro e aiutarli a combattere i miliziani dell’ISIS; molti si sono detti contenti che i vecchi oppressori siano stati cacciati. Ma ci sono anche resoconti di abusi di sciiti e curdi contro le comunità sunnite: per esempio casi di sfollamento forzato dei sunniti dalle loro case e detenzioni di massa. In mancanza di una vera riconciliazione, che comporta soluzioni politiche che legittimino i sunniti, potrebbe emergere una nuova forma di ribellione sunnita.


I pozzi petroliferi dati alle fiamme dalle milizie dell’ISIS ritiratesi da Qayyara, una città nel nord dell’Iraq (Reuters)

10. Quello che rimane dello Stato Islamico contro tutti

Lo Stato Islamico controlla ancora una grossa fetta di territorio in Siria e Iraq. Le offensive per ottenere il controllo delle due capitali dello Stato Islamico, Mosul e Raqqa, non sono ancora cominciate e potrebbero continuare a essere rimandate, se i gruppi che dovrebbero parteciparvi continuano a combattere tra loro.

Ma anche se così non fosse, gli altri conflitti irrisolti porteranno instabilità a lungo termine nella regione. Oggi le vittorie militari non vengono accompagnate da soluzioni politiche per porre rimedio al caos più ampio e alle disfunzioni che hanno permesso l’ascesa dello Stato Islamico. Se la guerra in corso generasse altre guerre, lo Stato Islamico potrebbe sopravvivere.

© 2016 – The Washington Post

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.