• Italia
  • mercoledì 7 settembre 2016

Giuseppe Sala è indagato?

Lo scrive il Fatto e lo dicono i sostenitori del M5S, per difendere Raggi nel caso Roma, ed è vero: ma sono due storie diversissime

(ANSA/ MOURAD BALTI TOUATI)

Negli ultimi giorni uno degli argomenti dei sostenitori del Movimento 5 Stelle è che l’intera polemica su Virginia Raggi – la sindaca di Roma coinvolta da giorni in una serie di agitazioni e casi politici, tra assessori indagati, nomine revocate, dimissioni e bugie – sia stata in sostanza montata dai giornali. Secondo questa tesi, la prova è che di recente il sindaco di Milano Giuseppe Sala sia stato coinvolto in un caso giudiziario e persino indagato – al contrario di Raggi, che non è coinvolta in nessuna indagine – ma che la notizia non ha avuto la stessa rilevanza sui giornali.

A fine giugno, infatti, si è scoperto che in un’autocertificazione firmata quando era commissario unico di Expo, Giuseppe Sala non aveva incluso alcune sue proprietà all’estero. La vicenda non è ancora finita ma diversi giornali hanno scritto che probabilmente la posizione di Sala verrà archiviata dalla procura di Milano: non si dovrebbe nemmeno arrivare a processo. Nonostante questo sviluppo, la storia è stata nuovamente tirata fuori dal direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, che nel suo editoriale di apertura di oggi ha cercato di mettere sullo stesso piano i guai di Raggi con quelli di Sala, e si è chiesto perché il Partito Democratico non abbia ancora chiesto le sue dimissioni.

Le critiche
A Raggi in questi giorni viene contestato un po’ di tutto, e in generale di aver perso il controllo della situazione: di avere delegato troppi poteri a persone del suo staff come Raffaele Marra e Salvatore Romeo, di aver nascosto ai capi del Movimento 5 Stelle che il suo assessore Paola Muraro era indagata per traffico illecito di rifiuti (ora sembra che in realtà tutti sapessero e non dicessero niente), di aver cacciato il proprio capo di gabinetto con una scusa perché ci aveva litigato. Il tutto mentre diversi dirigenti di società municipalizzate si sono dimessi in polemica con Raggi e la sua giunta, e dentro il partito nessuno spiega cosa stia succedendo. Nel suo editoriale di oggi, Travaglio spiega che è giusto che Muraro si dimetta, ma che di conseguenza vanno chieste anche le dimissioni di Sala.

Si dà però il caso che, come ha scritto solitario Gianni Barbacetto sul Fatto, il sindaco Pd di Milano Beppe Sala sia indagato a Milano per aver dichiarato il falso, “dimenticandosi” di possedere due società (una in Romania, l’altra in Italia) e una villa vicino a St. Moritz. È iscritto nel registro degli indagati come la Muraro e ha mentito come la Muraro, con l’aggravante che non l’ha fatto in un’intervista, ma in un atto pubblico: l’autocertificazione del 2015 sulle sue proprietà in qualità di commissario Expo. Indagato e bugiardo.

Coraggio, valorosi colleghi: chiediamo a una sola voce le dimissioni di Sala e tempestiamo Renzi e gli altri leader Pd con le stesse domande che ora stiamo rivolgendo a Di Maio, a Di Battista e a tutto il direttorio M5S. Sala vi aveva informati di aver mentito e di essere indagato? Se sì, perché non avete candidato un altro a sindaco di Milano, visto che l’indagine è partita ben prima delle elezioni di giugno? Se invece l’avete appreso dal Fatto dopo le elezioni, perché non chiedete le dimissioni di Sala, insieme a quelle della Muraro?

L’indagine su Sala, dall’inizio
La vicenda è iniziata nel febbraio del 2015, quando stando alle ricostruzioni dei giornali Sala ha firmato un’autocertificazione delle sue proprietà nell’ambito del suo incarico da commissario unico di Expo. Secondo un articolo del Giornale pubblicato il 2 aprile 2016, in quella autocertificazione Sala non aveva citato una casa che possiede a Pontresina, in Svizzera, vicino al confine italiano. La vicenda della casa in Svizzera era diventato uno dei temi della campagna elettorale di quel periodo: Sala aveva parlato di una «dimenticanza», mentre l’ex vicesindaco di Milano Riccardo De Corato aveva presentato un esposto alla procura di Milano. Alla fine di aprile Sala aveva pubblicato sul suo sito la dichiarazione dei redditi del 2014, quella a cui fa riferimento l’autocertificazione, spiegando di aver regolarmente dichiarato la casa a Pontresina e di averci pagato le tasse. Qualche giorno dopo, Gianni Barbacetto e Luigi Franco avevano pubblicato uno studio della certificazione di Sala sul Fatto Quotidiano, facendo notare che nell’autocertificazione erano assenti anche due attività commerciali con sede in Romania.

Repubblica aveva scritto che in seguito all’esposto di De Corato, il 26 aprile Sala era stato effettivamente iscritto nel registro degli indagati, e che secondo «fonti della Procura» l’iscrizione era avvenuta in base a un articolo del Testo unico sulla documentazione amministrativa. La notizia dell’iscrizione di Sala nel registro degli indagati era uscita sul Fatto Quotidiano il 24 giugno, proprio nel giorno dell’insediamento di Sala, in un nuovo articolo di Gianni Barbacetto. Il 24 mattina Sala aveva detto di non sapere nulla e di non volere commentare. Poche ore dopo, però, la procura di Milano aveva fatto sapere a diversi giornali – fra cui Repubblica, il Corriere della Sera e il Giorno – che sull’intera vicenda avrebbe chiesto l’archiviazione, dato che riteneva l’errore di Sala un illecito amministrativo e non un reato penale (i giornali non hanno più parlato delle aziende in Romania, che però essendo comprese nel 730 sono verosimilmente state considerate dalla procura). In pratica Sala se la sarebbe cavata pagando una multa per aver sbagliato un’autocertificazione, perché nelle cose che mancavano nell’autocertificazione – la casa, le società – non risulta ci fosse niente di illecito. Da allora non ci sono stati nuovi sviluppi. A giugno Repubblica aveva scritto che l’archiviazione sarebbe stata richiesta «a breve».

C’è altro?
Diversi altri critici di Sala gli hanno contestato in particolare due nomine: quella di Mario Vanni – uno dei responsabili della sua campagna elettorale – a capo di gabinetto e quella di Antonella Petrocelli a segretario generale.

Vanni, che è stato un dirigente del PD milanese ed è stato fra i responsabili della campagna elettorale di Sala, è stato nominato capo di gabinetto ma nel primo mese non aveva il grado dirigenziale necessario per firmare gli atti pubblici. Contattato dal Post, il comune di Milano ha spiegato con una nota:

L’incarico dirigenziale [a Vanni] è stato conferito, come previsto dalle nuove norme introdotte nel 2014 dalla riforma Madia (art. 110 TUEL), in esito al completamento di una apposita procedura ad evidenza pubblica – che ha richiesto circa un mese per il suo espletamento – volta ad accertare il possesso dei requisiti.

Il Comune ha aggiunto che durante il mese in cui la procedura veniva completata, Vanni è stato affiancato dal suo predecessore. Ora che la procedura si è conclusa, Vanni può firmare gli atti pubblici esercitando di fatto la sua carica.

Petrocelli invece è stata nominata il 15 luglio ma si è dimessa sei giorni dopo perché indagata per concorso in turbativa d’asta per via di un documento che firmò da segretaria generale del comune di Como. Petroncelli, che era stata segretaria generale anche nell’ultima fase della giunta Pisapia, aveva già reso nota la sua posizione al comune: nel comunicato stampa in cui veniva annunciata la sua nomina, c’era infatti scritto che era avvenuta «nella consapevolezza che Antonella Petrocelli è stata destinataria di un’informazione di garanzia nell’ambito delle indagini relative al conferimento di alcuni incarichi per la variazione della progettazione delle paratie del lungo lago di Como. Nella consapevolezza che l’informazione di garanzia persegue la finalità di assicurare il diritto di difesa e non implica alcuna affermazione sulla responsabilità del destinatario, il Sindaco informa che interromperà immediatamente l’incarico nel caso in cui l’autorità giudiziaria adotti provvedimenti ulteriori».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.