«I loro mariti non possono permettersi di pagare le bollette della famiglia»

È il motivo per cui molte donne voteranno Trump, secondo il capo della sua campagna elettorale

Il responsabile della campagna elettorale di Donald Trump, Paul Manafort, è stato intervistato ieri, giovedì 21 luglio, da MSNBC durante l’ultimo giorno della convention del Partito Repubblicano statunitense. Il giornalista Chris Matthews ha chiesto a Manafort come la campagna di Trump, in vista del voto di novembre, dovesse affrontare i problemi che finora ci sono stati con le donne che (con validi motivi) hanno spesso criticato Trump accusandolo di sessismo. Manafort ha riconosciuto che si tratta di una sfida e poi ha spiegato che comunque secondo lui molte donne voteranno per Trump e non per Hillary:

«Ancora una volta, dipende di quali donne stiamo parlando. Molte donne in questo paese sentono che non possono permettersi le loro vite, i loro mariti non possono permettersi di pagare le bollette della famiglia. Hillary Clinton è colpevole di far parte dell’establishment che ha creato il problema»

Matthews ha poi chiesto a Manafort se si rendesse conto di quello che aveva appena detto, che le donne cioè fossero principalmente preoccupate del reddito del marito, e gli ha fatto notare che siamo nel Ventunesimo secolo. Manafort, che con la sua risposta voleva forse spiegare che con Trump presidente degli Stati Uniti sarebbe stato più facile avere un lavoro stabile, ha semplicemente ribadito il concetto.

(Donald Trump e le donne)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.