(AP Photo/Andrew Harnik)

Donald Trump e le donne, di nuovo

«Si vedeva che le usciva il sangue dagli occhi, il sangue le usciva da ogni dove», ha detto Trump parlando della giornalista Megyn Kelly

(AP Photo/Andrew Harnik)

Giovedì sera – in Italia era venerdì notte – si è concluso il primo dibattito delle primarie repubblicane per le elezioni presidenziali degli Stati Uniti, che si terranno nel novembre 2016: hanno partecipato in dieci e tra loro c’era Donald Trump, personaggio politico poco ortodosso, imprenditore e celebrità di successo, in questo momento in testa ai sondaggi. Il dibattito è stato trasmesso da Fox News e a fare le domande ai candidati c’erano tre giornalisti, tra cui anche una donna: Megyn Kelly, che ha sostanzialmente condotto il dibattito. Trump in passato ha fatto affermazioni molto discutibili sulle donne e in alcune domande Kelly glielo ha fatto presente.

Venerdì sera Trump è stato intervistato da CNN e ha detto che secondo lui Kelly ha esagerato e gli ha fatto delle domande ridicole. «Non la rispetto come giornalista. Non ho rispetto per lei. Non penso sia brava. Penso che sia molto sopravvalutata», ha detto Trump che ha poi anche aggiunto:

Si vedeva che le usciva il sangue dagli occhi, il sangue le usciva da ogni dove.

Il commento di Trump è stato da molti criticato in quanto sessista e volgarmente allusivo al presunto ciclo mestruale di Kelly. In un tweet Trump ha provato a giustificarsi dicendo che con quel “da ogni dove” si riferiva al naso di Kelly.

Nel pomeriggio di sabato 8 agosto Trump avrebbe dovuto partecipare in Georgia ad un evento organizzato dal blogger Erick Erickson. Erickson ha però detto di aver ritirato l’invito fatto a Trump, dopo la sua frase nei confronti di Kelly. Trump ha commentato la decisione di Erickson dicendo che “il politically correct sta uccidendo gli Stati Uniti” e Carly Fiorina, l’unica candidata donna alle primarie Repubblicane, ha espresso il suo sostegno nei confronti di Kelly.

Ma la storia non è finita qui. Domenica Trump è intervenuto alla trasmissione “State of the Union” di CNN ed è tornato su quello che era successo con Kelly. Trump ha negato che con la sua frase si volesse riferire al ciclo mestruale di Kelly e poi ha fatto un discorso più generale sulle donne, dicendo.

«Io apprezzo le donne. Voglio aiutare le donne. Sarei capace di fare delle cose per le donne che nessun altro candidato può fare, è molto importante per me»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.