Gonzalo Higuain dopo un gol segnato all'Udinese nella scorsa stagione (GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 19 luglio 2016

Perché si parla di Gonzalo Higuaín

Sembra che la Juventus voglia comprare il fortissimo attaccante del Napoli, pagandolo un sacco di soldi: cosa sappiamo?

Gonzalo Higuain dopo un gol segnato all'Udinese nella scorsa stagione (GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

Lunedì 18 luglio, al termine dell’assemblea ordinaria della Lega Calcio, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha risposto alle domande dei giornalisti riguardo alla situazione dell’attaccante argentino Gonzalo Higuaín, che attualmente è sotto contratto con il Napoli, visto che negli ultimi giorni si è parlato molto di un suo possibile trasferimento alla Juventus. De Laurentiis ha smentito l’esistenza sia di una trattativa che di un possibile pagamento da parte della Juventus della clausola rescissoria prevista dal contratto del calciatore, e così, sempre stando a quanto detto da De Laurentiis, avrebbe fatto anche l’amministratore delegato della Juventus Giuseppe Marotta.

Gonzalo Higuaín ha 28 anni ed è uno dei centravanti più forti del mondo, insieme a Luis Suarez del Barcellona e a Robert Lewandowski del Bayern Monaco. Lo scorso maggio Higuaín ha segnato tre gol nell’ultima partita della stagione di Serie A, diventando il miglior capocannoniere in un campionato di Serie A a 20 squadre, con 36 gol realizzati in 35 partite. Il Napoli lo ha comprato nel luglio del 2013 per 38 milioni dal Real Madrid, squadra con cui giocava dal 2007.

Higuaín al momento ha ancora due anni di contratto con il Napoli ma ha una clausola rescissoria fissata a 94 milioni e 736 mila euro: questo vuol dire che se la Juventus facesse arrivare al Napoli un’offerta pari a quella cifra, e se Higuaín comunicasse la sua volontà di cambiare squadra, il Napoli non potrebbe opporsi al trasferimento. Diversamente, qualsiasi offerta minore alla cifra stabilita dalla clausola rescissoria non avrebbe alcun valore, salvo che il Napoli non decidesse di avviare una trattativa o di inserire nella trattativa alcuni giocatori della Juventus da scambiare con Higuaín: al momento però, entrambe le ipotesi sono più che improbabili. Higuaín ritornerà ad allenarsi con il Napoli il 25 luglio, poiché ha partecipato alla Copa America Centenario con l’Argentina ed è ancora in vacanza: per ora non ha né smentito né confermato le voci sul suo possibile trasferimento alla Juventus, e probabilmente non ci saranno sue dichiarazioni fino al giorno del suo arrivo nel ritiro del Napoli a Dimaro, in Trentino Alto-Adige.

L’ipotesi di un trasferimento di Higuaín alla Juventus non è comunque così improbabile, anche se rimane molto difficile, per la posizione del Napoli e per il costo dell’operazione. Alcune settimane fa la Juventus ha ceduto uno dei suoi attaccanti più forti, lo spagnolo Alvaro Morata, al Real Madrid, e prima dell’inizio della stagione il posto lasciato libero da Morata nel reparto offensivo della squadra con ogni probabilità verrà occupato da un nuovo giocatore. Al momento però, per riuscire a pagare per intero la clausola rescissoria di Higuaín, la Juventus dovrebbe prima vendere almeno uno dei suoi giocatori titolari. Fino ad ora ha già speso circa 44,5 milioni di euro per riscattare dal Marsiglia il centrocampista Mario Lemina, per comprare il trequartista della Roma Miralem Pjanic e per pagare il prestito del difensore del Bayern Monaco Mehdi Benatia. Tuttavia ha incassato più di trenta milioni di euro, derivanti quasi esclusivamente dalla cessione di Alvaro Morata. Da qualche tempo si sta parlando con insistenza di una possibile cessione del difensore Leonardo Bonucci ad un club inglese, per un cifra compresa tra i 40 e 50 milioni di euro, e del centrocampista Paul Pogba, per cui invece si parlerebbe di una cifra superiore ai 100 milioni di euro. Se uno di questi due giocatori dovessero essere ceduti, la Juventus potrebbe anche riuscire a pagare per intero la clausola di Higuaín: con l’argentino in squadra, la Juventus non solo aumenterebbe il distacco tra tutte le altre squadre italiane, ma diventerebbe anche una delle più forti squadre d’Europa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.