(ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)
  • Media
  • sabato 16 luglio 2016

Cairo è diventato il proprietario di RCS

Ovvero il suo maggiore azionista, acquisendone il 48,8% e battendo i rivali nell'operazione: sarà il nuovo editore del Corriere della Sera

(ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)

Urbano Cairo ha acquisito il 48,8% delle azioni di RCS, la società che possiede i quotidiani Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, diventandone il maggior proprietario e battendo gli avversari guidati dal finanziere Andrea Bonomi nella competizione delle ultime settimane per acquisirne il controllo. Entro le 17 di venerdì 15 luglio gli azionisti di Rizzoli-Corriere della Sera Media Group S.p.A (RCS), uno dei più importanti gruppi editoriali italiani, potevano scegliere se aderire all’offerta pubblica di scambio presentata dall’imprenditore Cairo – già editore e proprietario della tv La7 e del gruppo Cairo Communication – per ottenere la maggioranza delle azioni RCS, o se aderire all’offerta pubblica di acquisto del gruppo di imprenditori e azionisti rappresentati dalla International Media Holding (IMH) di Bonomi, nato appunto in opposizione all’offerta di Cairo. La proprietà del gruppo RCS era entrata in una fase di sicuri sviluppi dopo la recente e discussa uscita di John Elkann e di FCA, culmine di un’epoca di difficile progettualità imprenditoriale dovuta proprio alla mancanza di una maggioranza coerente tra i numerosi soci.
Alla chiusura dei termini di venerdì sera l’offerta di Cairo ha ottenuto le maggiori adesioni, per un totale del 48,8 per cento del capitale, mentre quella di Bonomi ha ottenuto il 37,7 per cento del capitale. I dati ufficiali sulle adesioni saranno diffusi giovedì 21 luglio, ma, come spiega lo stesso Corriere della Sera, normalmente non si discostano molto da quelli disponibili subito dopo la chiusura delle adesioni e il distacco è sufficientemente alto per garantire certezza alla vittoria di Cairo.

Perché l’operazione sia considerata valida, però, Cairo e Bonomi devono esprimere un parere favorevole: devono insomma decidere se sono state raggiunte le “condizioni sul quantitativo minimo di efficacia”, cioè se hanno aderito abbastanza azionisti all’offerta vincente. L’obiettivo era stato fissato nel 66,7 per cento per l’offerta di Bonomi, e nel 50 per cento più un’azione per quella di Cairo. Sia Bonomi sia Cairo avevano però detto che – nel caso la propria offerta fosse stata quella vincente – avrebbero accettato anche adesioni minori, rispettivamente del 30 per cento e del 35 per cento. Ansa scrive che non è ancora chiaro se anche la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) dovrà dichiarare valida l’operazione.

Se l’operazione sarà dichiarata valida, Cairo potrà nominare il consiglio di amministrazione di RCS e diventarne amministratore delegato, diventando quindi il nuovo editore del Corriere della Sera in un tempo di grandi complessità e incertezze per il business dei quotidiani – che ha appena visto una storica operazione di alleanza tra i maggiori rivali, Repubblica e Stampa – e difficoltà per il gruppo RCS, che ha tra l’altro da poco ceduto il settore libri Rizzoli ai più grandi concorrenti, Mondadori. Cairo ha commentato le adesioni alla sua offerta dicendo: «Io guardo i numeri, sono 48,8% di adesioni contro il 37,7%. Mi sembra che sia una bella differenza, di questo sono contento. (…) La vera vittoria non è questa, è quella da fare in azienda. Un grande lavoro di sviluppo, efficienza, di valorizzazione delle risorse». IMH invece ha diffuso una nota in cui dice: «Prendiamo atto dei risultati dell’offerta. Facciamo le nostre congratulazioni a Cairo e auguriamo un prospero futuro a RCS. Si è trattata di un’operazione di mercato che, grazie al nostro interesse, ha consentito di far realizzare valori più adeguati a favore di tutti gli azionisti della società».

IMH, che rappresenta alcuni dei soci storici del Corriere, come Diego Della Valle, Mediobanca, UnipolSai e Pirelli, possedeva già il 24,7 per cento delle azioni RCS, quindi l’adesione effettiva ricevuta è stata del 16,7 per cento del capitale. I possessori del rimanente 13,5 per cento del capitale di RCS non hanno scelto né l’offerta di Cairo né quella di Bonomi. Da giovedì prossimo gli azionisti che hanno aderito all’offerta di Bonomi potranno decidere se piuttosto aderire a quella di Cairo, per i cinque giorni successivi. Repubblica scrive che la Consob dovrà decidere «se la cordata perdente, cioè quella di Bonomi, potrà tenersi ugualmente le azioni che le sono rimaste dopo la migrazione. Secondo l’interpretazione della legge fornita dall’avvocato Sergio Erede, consulente di Cairo, questo non sarà possibile».

Cairo aveva offerto per ogni azione di RCS 0,18 azioni della sua società Cairo Communications e 25 centesimi di euro, che considerando il valore in borsa di Cairo Communications vuol dire 1,051 euro per ogni azione (era partito da 0,12 azioni di Cairo Communications per ogni azione di RCS). IMH invece offriva 1 euro per ogni azione RCS. IMH aveva sostenuto però che, anche se l’offerta di Cairo era economicamente vantaggiosa, avrebbe avuto un effetto collaterale negativo per il futuro di RCS: i 130 milioni di euro totali che dovrebbe spendere Cairo per comprare le azioni di RCS (se ne comprasse il 100 per cento) farebbero diminuire il valore delle azioni di Cairo Communications portando quindi a una riduzione del valore della sua offerta pubblica di scambio (visto che una parte di quel valore dipende dal valore delle azioni di Cairo Communications). Cairo aveva invece spiegato che chi avrebbe accettato la sua offerta sarebbe rimasto socio del nuovo gruppo e avrebbe potuto partecipare dei suoi guadagni, che secondo il suo piano dovrebbero portare le azioni di Cairo Communication a raddoppiare di valore entro il 2018.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.