Le persone su The Floating Piers, 18 giugno 2016 (ANSA/FILIPPO VENEZIA)

Oggi chiude l’installazione di Christo

Oggi è l'ultimo giorno per visitare la passerella galleggiante sul lago d'Iseo: le cose da sapere

Le persone su The Floating Piers, 18 giugno 2016 (ANSA/FILIPPO VENEZIA)

La passerella galleggiante sul lago d’Iseo – creata dall’artista Christo, bulgaro naturalizzato statunitense – chiuderà definitivamente oggi,domenica 3 luglio: oggi è quindi l’ultimo giorno disponibile per visitare la sua passerella galleggiante. L’installazione artistica si chiama “The Floating Piers” (il molo galleggiante) ed è composta da pontili a pelo d’acqua larghi 16 metri e alti 50 centimetri, formati da 200.000 cubi in polietilene ad alta densità e coperti da 70mila metri quadri di tessuto. Il lago d’Iseo è tra le province di Bergamo e Brescia, a circa 100 chilometri da Milano e 200 da Venezia. Nei primi giorni dopo l’inaugurazione ci sono stati un po’ di disagi e qualche lunga coda al caldo, dovuta al gran numero di visitatori: si stima che in 12 giorni l’opera sia stata visitata da circa un milione di persone. I disagi hanno riguardato soprattutto la viabilità per arrivare a Sulzano – che è il punto di accesso principale all’opera e per questo motivo anche il più affollato – e le attese per le navette che portano dai parcheggi a Sulzano e viceversa, soprattutto nei weekend.

Le cose da sapere per visitare l’installazione di Christo

I punti di accesso all’opera sono due: uno è da Sulzano, che si può raggiungere in treno o con dei bus navetta (le strade sono chiuse tranne che per i residenti e i lavoratori): qui ci sono tutte le indicazioni. Il secondo è da Monte Isola (l’isola al centro del lago d’Iseo), nelle località di Sensole o Peschiera Maraglio: ci si arriva in battello, da uno dei tanti paesi che affacciano sul lago. Un’alternativa, per chi arriva da nord, può essere quella di arrivare in battello a Carzano – un’altra località di Monte Isola – e poi recarsi a piedi all’accesso della passerella, con una passeggiata di circa mezz’ora.

Chi ha già acquistato il biglietto del battello non dovrà fare la fila per imbarcarsi, e finora chi è arrivato a Monte Isola in questo modo non ha trovato coda per accedere alla passerella. Qui si può vedere quali biglietti sono ancora disponibili. Il servizio di navigazione del lago d’Iseo ha comunque riservato il 30 per cento dei posti per chi acquista il biglietto direttamente all’imbarco: perciò mettendosi in fila si può prendere il battello, anche se è probabile che l’attesa sia lunga anche diverse ore, soprattutto al mattino.

Per chi non volesse rinunciare a partire da Sulzano, non ci sono vere e proprie soluzioni, soprattutto per quanto riguarda il weekend: dipende dal numero di visitatori presenti giorno per giorno. Le code riguardano più che altro l’attesa delle navette e la colonna in strada. In generale, poi, nel tardo pomeriggio l’affollamento è minore: molte persone arrivate a Sulzano verso sera non hanno dovuto fare code per accedere alla passerella. Nel caso invece in cui la coda ci sia, a pochi metri dalle transenne c’è il punto di imbarco di un battello di linea che porta a Monte Isola. In questo modo, anche se dovete rinunciare ad arrivarci camminando sulla passerella, potrete evitare l’eventuale coda: in media un battello parte ogni quarto d’ora, non si può prenotare e il biglietto costa poco più di due euro. Gli orari e altre informazioni sono qui.

Un ultimo consiglio è controllare la condizione delle strade e dei trasporti prima della partenza: in diverse occasioni alcuni tratti di strada sono stati chiusi o il servizio dei treni interrotto per far diminuire il flusso di persone in direzione di Sulzano. Infine bisogna tenere presente le novità introdotte da quando il prefetto di Brescia ha deciso – insieme all’organizzazione di The Floating Piers e al comune di Monte Isola – di chiudere la passerella la notte. Per esempio si può salire sulla passerella solo fino alle 22 e i parcheggi e il servizio navetta aprono alle 5:30 e chiudono alle 19. Trovate il resto delle informazioni qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.