Il ceco Radek Stepanek dopo aver perso l'equilibrio nella partita contro l'australiano Nick Kyrgios, 28 giugno 2016 (ADRIAN DENNIS/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • venerdì 1 luglio 2016

Le prime foto da Wimbledon

L'erba, le polo bianche e le facce del torneo di tennis più famoso del mondo

Il ceco Radek Stepanek dopo aver perso l'equilibrio nella partita contro l'australiano Nick Kyrgios, 28 giugno 2016 (ADRIAN DENNIS/AFP/Getty Images)

Wimbledon, il più famoso e prestigioso torneo di tennis del mondo e l’unico del Grande Slam a giocarsi sull’erba, è iniziato il 27 giugno a Londra: le partite continueranno, sempre più rarefatte, fino al 10 luglio, quando si giocherà la finale del torneo di singolare maschile. A differenza di molti tornei di seconda fascia, come gli Internazionali d’Italia, a Wimbledon tutti i tennisti qualificati per il torneo maschile cominciano a giocare dal primo turno, cosa che rende anche i primi giorni del torneo piuttosto interessanti e avvincenti.

Finora non ci sono state grosse sorprese: i favoriti – Federer, Murray e il campione in carica Djokovic – hanno vinto agilmente i primi incontri e l’unica eliminazione di cui si parla è quella della spagnola Garbiñe Muguruza, numero 3 del mondo, che ha perso al secondo turno contro la slovacca Jana Cepelova. Ci sono però già state delle belle storie, come quella del tennista inglese Marcus Willis, numero 772 del mondo, che dopo aver vinto i 6 incontri di qualificazione e una partita del primo turno ha realizzato il sogno di molti tennisti giocando una partita contro Roger Federer sul campo centrale di Wimbledon: ha perso, ma che importa. Tra gli italiani sono state eliminate Francesca Schiavone, Sara Errani e Andreas Seppi, mentre hanno vinto al primo turno Roberta Vinci e Fabio Fognini.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.