Un uomo trasporta un blocco di ghiaccio sullo scooter a porta Garibaldi, giugno 1961 (Keystone/Getty Images)

Milano era così

Raccolta fotografica della città italiana che più di tutte è cambiata negli ultimi anni, e che è bello ricordare com'era prima

Un uomo trasporta un blocco di ghiaccio sullo scooter a porta Garibaldi, giugno 1961 (Keystone/Getty Images)

Da qualche anno si parla molto del grosso cambiamento urbanistico e architettonico di Milano, dove in un tempo relativamente breve sono stati costruiti nuovi palazzi e grattacieli e sono stati riqualificati interi quartieri che hanno cambiato notevolmente l’aspetto della città, rendendola nuova e diversa anche per chi ci vive tutti i giorni. Anche per questo, forse, è così affascinante sfogliarne le vecchie foto: con i punti fermi della Scala e piazza Duomo; le periferie disabitate diventate una distesa di condomini; i fascisti che guidano il tram per protesta contro gli scioperi dei tramvieri, le partigiane coi fucili, le manifestazioni degli operai e quelle contro la guerra in Vietnam. E ancora le donne che lavano i panni sui navigli, le pasticcerie coi panettoni in vetrina anche in tempo di guerra, la gente che fa il bagno nelle fontane di parco Sempione, il traffico, lo smog, le insegne del Cinzano, le lambrette, e tutti quegli spazi pronti per le cose che sarebbero venute.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.