• Italia
  • giovedì 9 giugno 2016

Lo sciopero dei mezzi pubblici a Roma, lunedì 13 giugno

Durerà dalle 20.30 alle 0.30, e sta già generando polemiche: contemporaneamente gioca l'Italia

Lunedì 13 giugno ci sarà uno sciopero di 4 ore dei dipendenti dell’ATAC, la società che gestisce il trasporto pubblico a Roma. Lo sciopero, proclamato dal sindacato Ugl Autoferrotranvieri, inizierà alle 20.30 e finirà alle 0.30. Come specifica il sito di ATAC, lo sciopero riguarderà l’intera rete: bus diurni e notturni, filobus, tram, metropolitane, ferrovie regionali Termini-Centocelle, Roma-Civitacastellana Viterbo e Roma-Lido. Inoltre, durante lo sciopero «nelle stazioni metroferroviarie delle linee che resteranno, eventualmente, attive potrebbero non essere in funzione scale mobili, montascale o ascensori».

Lo sciopero si svolgerà in concomitanza con la partita degli Europei di calcio Italia-Belgio, che inizierà alle 21: una decisione che il candidato a sindaco del centrosinistra, Roberto Giachetti, ha definito su Facebook una di quelle coincidenze che contribuiscono «a creare un clima di odio tra gli utenti e il personale dell’ATAC. Perché i cittadini romani, direi giustamente, si sentono presi in giro da uno sciopero così “strategico”».

Il segretario nazionale degli autoferrotranvieri Ugl Fabio Milloch, citato da Repubblica, aveva detto che lo sciopero è stato indetto per «un giorno e un orario che non creasse troppi disagi ai passeggeri. Lo facciamo di lunedì e di sera. Su molti autobus manca l’aria condizionata e i finestrini non si aprono. Con la stagione estiva gli utenti si potrebbero sentire male. Scioperiamo per chiedere più sicurezza sui mezzi pubblici».

Solo qualche giorno fa, ATAC aveva sospeso tutti i permessi sindacali nei giorni dal 3 al 6 giugno (in concomitanza con il primo turno delle elezioni amministrative, domenica 5), a causa delle 850 richieste di esonero di dipendenti coinvolti nelle elezioni come scrutatori o rappresentanti di lista.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.