Matteo Renzi e Gianluca Buonanno alla Camera il 24 Giugno 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)
  • Italia
  • domenica 5 giugno 2016

Gianluca Buonanno della Lega è morto

In un incidente stradale: aveva 50 anni, era deputato al Parlamento Europeo e sindaco di Borgosesia

Matteo Renzi e Gianluca Buonanno alla Camera il 24 Giugno 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Gianluca Buonanno, deputato della Lega Nord al Parlamento Europeo e sindaco del comune di Borgosesia, è morto domenica 5 giugno in un incidente stradale vicino a Gorla Maggiore in provincia di Varese. Buonanno stava viaggiando in auto sull’autostrada A36, conosciuta anche come Pedemontana. Nell’incidente sono rimaste ferite altre quattro persone, tra cui la moglie di Buonanno, che è stata portata all’ospedale di Busto Arsizio: secondo la Provincia di Como le sue condizioni sono serie. La dinamica dell’incidente non è ancora chiara: si sa che due auto si sono scontrate e la causa potrebbe essere stata il brutto tempo.

Buonanno aveva 50 anni ed era stato eletto al Parlamento Europeo con la Lega Nord nel 2014 (nelle stesse elezioni era stato eletto sindaco di Borgosesia). Dal 2008 al 2014 è stato deputato, sempre con la Lega Nord. Buonanno aveva cominciato a fare politica all’inizio degli anni Novanta con il Movimento Sociale Italiano, ed era diventato sindaco di Serravalle Sesia nel 1993. Nel 2002 era stato eletto sindaco di Varallo per la Lega Nord, e nel 2007 era diventato vicepresidente della provincia di Vercelli.

Buonanno era diventato molto conosciuto negli ultimi anni per aver organizzato proteste molto plateali: tra le altre, nel 2014 aveva indossato al Parlamento Europeo una maglietta che paragonava la cancelliera tedesca Angela Merkel ad Adolf Hitler, mentre nel 2015 aveva mostrato una pistola durante un collegamento in diretta con Sky Tg24, per parlare della sua proposta di “finanziare” i cittadini del suo comune affinché potessero comprare una pistola, per difendersi dai ladri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.