Una scena di Julieta, il nuovo film di Almodóvar

È uscito in Italia da pochi giorni ed è tratto da tre storie della scrittrice canadese Alice Munro

Julieta, il nuovo film del regista spagnolo Pedro Almodóvar, è nei cinema italiani dal 26 maggio. Julieta è tratto da tre storie della scrittrice canadese vincitrice del premio Nobel Alice Munro, pubblicate nella raccolta In fuga del 2004: racconta la storia di Julieta, una donna che pochi giorni prima di trasferirsi con il suo partner dalla Spagna al Portogallo scopre per caso che sua figlia Antia, scappata 12 anni prima appena 18enne, è ancora viva e ha 3 figli. Julieta decide di rinunciare a tutti i suoi piani e alla sua relazione per scrivere una lunga lettera a sua figlia, raccontandole la sua vita: il film poi si sviluppa seguendo il racconto di Julieta da quando era ragazza.

Julieta è il ventesimo film da regista di Almodóvar, che comprò i diritti per trasformare in film le storie di Munro nel 2007. Inizialmente, ha raccontato, pensava di farne un film in inglese e di girarlo in Canada, dove sono ambientate le storie originali: aveva anche già convinto Meryl Streep a interpretare Julieta, ma poi cambiò idea e decise di riscrivere il film per ambientarlo in Spagna e recitarlo in spagnolo. Nel cast ci sono Emma Suárez e Adriana Ugarte, che interpretano rispettivamente Julieta adulta e ragazza, e Daniel Grao che interpreta suo marito Xoan.
Questa scena mostra Julieta da ragazza al suo primo incontro con Marian (interpretata da Rossy De Palma), una donna con cui poi vivrà per un certo periodo.

Julieta ha ricevuto recensioni miste, anche se in maggioranza positive. Il Guardian lo ha descritto come un lavoro “minore” di Almodóvar, a tratti un po’ confuso nel suo sviluppo ma tenuto insieme dall’eccellente recitazione di tutti gli attori e dalla buona regia. Variety ha scritto che Julieta è un buon film ma non al livello di altri lavori di Almodóvar: secondo il critico Peter Debruge in questo film manca l’ironia, messa da parte per girare una sorta di melodramma. Il film è uscito da poco e le recensioni sui siti di cinema sono ancora scarse: su Rotten Tomatoes ha un voto medio di 7,2/10 mentre su IMDB ha 7,3/10.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.