• Italia
  • mercoledì 25 maggio 2016

Le foto della voragine sul Lungarno a Firenze

Il crollo è avvenuto stamattina sul Lungarno Torrigiani, in centro, facendo sprofondare una ventina di auto

ANSA / MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

A Firenze, questa mattina, si è aperta una voragine lunga circa 200 metri sul Lungarno Torrigiani, un tratto di strada che costeggia il fiume Arno. Il Lungarno Torrigiani è molto in centro, a poca distanza dal Ponte Vecchio di Firenze, dall’altra parte del fiume rispetto agli Uffizi. L’incidente è avvenuto intorno alle 6.30 (ma un precedente cedimento c’era già stato nella notte, qualche ora prima) e ha provocato lo sprofondamento di circa venti auto che erano parcheggiate sulla strada. Intorno alle 11 è sprofondato un altro tratto del manto stradale, che ha allargato la voragine. I vigili del fuoco hanno detto che a causare l’apertura della voragine è stato il cedimento di un grosso tubo per l’acqua, che ha anche allagato in parte il buco dove erano sprofondate le auto.

I vigili del fuoco e la polizia stanno facendo controlli per verificare che non ci sia il rischio di altri crolli, a causa delle perdite d’acqua. Nel cedimento del Lungarno Torrigiani non ci sono stati feriti, ma il sindaco di Firenze Dario Nardella ha detto che i danni sono “ingenti”. Due palazzi che si affacciano sul Lungarno Torrigiani sono stati evacuati. Ci sono stati molti problemi ai servizi idrici in tutta l’area intorno a Firenze: Publiacqua, azienda che distribuisce l’acqua nella zona, ha ridotto la pressione dell’acqua nella rete idrica locale, un’operazione che ha causato problemi alla distribuzione idrica anche fuori Firenze, fino a Prato, scrive la Nazione. La rete idrica della zona Oltrarno e Campo di Marte è stata chiusa, ha scritto su Twitter Nardella. Publiacqua dice che la situazione sulla riva destra dell’Arno (quella opposta al Lungarno Torrigiani) dovrebbe tornare alla normalità intorno alle 11.30, mentre non si sa ancora quando saranno risolti i problemi sulla riva sinistra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.