Da Scanno (1959) Foto realizzate a Scanno in Abruzzo © Archivio Mario Giacomelli, Senigallia
  • Cultura
  • mercoledì 18 maggio 2016

7 gran foto di Mario Giacomelli

Delle 200 in mostra a Roma fino al 29 maggio, per chi passa di lì

Da Scanno (1959) Foto realizzate a Scanno in Abruzzo © Archivio Mario Giacomelli, Senigallia

Fino al 29 maggio il museo di Roma Palazzo Braschi ospiterà la mostra Mario Giacomelli. La figura nera aspetta il bianco che espone circa 200 delle fotografie più importanti del fotografo italiano.
Mario Giacomelli nacque a Senigallia nel 1925, dove è morto nel 2000. A 13 anni iniziò a lavorare in una tipografia e comprò la sua prima macchina fotografica nel 1952: cominciò a fare fotografie, ma sempre continuando il lavoro come tipografo. Nel 1964 le sue foto della serie Scanno (un paesino in Abruzzo) vennero esposte al MoMA di New York, uno dei musei di arte moderna più importanti del mondo. In mostra a Roma ci sono – tra le altre – le foto dei soggetti per cui Giacomelli è diventato famoso: quelle degli esordi scattate sulla spiaggia di Senigallia nel 1953 e le serie dedicate alla vita d’ospizio (Verrà la morte e avrà i tuoi occhi), ai paesaggi, a Scanno e al mondo contadino.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.