(AP Photo/Amr Nabil, File)
  • Mondo
  • domenica 15 maggio 2016

Le condanne in Egitto per le proteste contro la cessione di due isole

51 persone sono state condannate a due anni di carcere per aver protestato contro la cessione all'Arabia Saudita delle isole di Tiran e Sanafir

(AP Photo/Amr Nabil, File)

Sabato 14 maggio un tribunale egiziano ha condannato a due anni di carcere 51 persone giudicate colpevoli di aver manifestato contro il governo dell’Egitto per il piano di cedere all’Arabia Saudita due isole del Mar Rosso. La sentenza può ancora essere appellata. 33 delle persone condannate erano ancora detenute, mentre le restanti 18 erano state rilasciate su cauzione. La manifestazione si è svolta lo scorso 25 aprile, quando nel quartiere Dokki del Cairo circa 500 persone hanno protestato contro la cessione delle due isole, Sanafir e Tiran, che l’Egitto controllava dagli anni Cinquanta. I manifestanti hanno accusato il governo di averle cedute in cambio di investimenti economici sauditi.

Nei giorni precedenti alla manifestazione del 25 aprile, il governo egiziano aveva incarcerato come misura preventiva decine di persone tra giornalisti, attivisti, artisti, studenti e avvocati. In tutto gli arresti legati alla manifestazione sono stati oltre duecento. Tra gli arrestati c’era anche Ahmad Abdallah, fondatore della Commissione egiziana per i diritti e per la libertà che tra le altre cose sta aiutando la famiglia del ricercatore italiano ucciso in Egitto Giulio Regeni. Abdallah si trova ancora in carcere, in attesa di processo.

Da quando il generale Abdel Fattah al Sisi è salito al potere con un colpo di stato nel 2013, il diritto a manifestare in Egitto è stato fortemente limitato. Spesso, in occasione dei raduni dell’opposizione, la polizia ha aperto il fuoco contro i manifestanti. Centinaia di persone sono state uccise durante una serie di manifestazioni dei Fratelli Musulmani nei mesi successivi al colpo di stato. L’opposizione politica è stata repressa duramente e le ONG calcolano che almeno 400 sono sparite in seguito ad arresti della polizia nel corso dell’ultimo anno.

Le isole di Tiran e Sanafir si trovano nel Mar Rosso di fronte alla località turistica di Sharm el Sheik. Si trovano in una posizione strategica perché controllano l’accesso al golfo di Aqaba al cui vertice si trova il porto di Eilat, l’unico sbocco sul Mar Rosso controllato da Israele. Non è chiaro a chi appartenessero formalmente le isole prima che gli egiziani le occupassero nel 1949. Per anni le isole sono state contese tra Egitto ed Israle, fino al ritiro definitivo della guarnigione israeliana nel 1982. Pochi mesi fa il governo egiziano ha dichiarato che le isole si trovano nelle acque territoriali saudite e che quella egiziana era solo un’occupazione militare temporanea.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.