Gli emoji di Google contro la disparità di genere

Ha proposto 13 nuovi disegni che mostrano le donne impegnate in vari tipi di lavori, dalla chirurgia alla fabbrica

Aggiornamento: Il 14 luglio 2016 lo Unicode Consortium ha accettato di aggiungere ai caratteri standard per i sistemi informatici 11 nuove emoji delle 13 proposte da Google: sono emoji che rappresentano professioni e saranno disponibili sia nella versione maschile che in quella femminile, e in tutti i colori di pelle. Le due che non sono state scelte sono state escluse perché simboleggiavano una professione molto vicina a un’altra già rappresentata da un’altra emoji: sono quella del chirurgo e quella che tiene in mano un circuito elettronico. Rispetto alla proposta di Google, le emoji sono state un po’ modificate dal punto di vista grafico; inoltre sono state aggiunte versioni femminili di emoji esistenti, ad esempio la guardia di Buckingham Palace.

nuove_emoji

Queste aggiunte aumentano la parità di genere già in parte introdotta dallo Unicode Consortium con le emoji presentate alla fine di giugno.

***

Google ha proposto che siano introdotti 13 nuovi emoji che mostrano le donne impegnate in vari tipi di lavoro, dall’insegnamento al lavoro in fabbrica, per mostrare “la varietà possibile delle carriere per le donne” e per contrastare il sessismo. Attualmente ci sono centinaia di emoji, utilizzati ogni giorno da miliardi di persone per inviare messaggi ed esprimere con i disegni i loro pensieri e stati d’animo, ma i pochi dedicati alle professioni sono tutti associati ai maschi, mentre le donne sono associate a cose più frivole come rossetti, il taglio dei capelli o mettersi lo smalto.

Gli emoji sono amministrati dallo Unicode Consortium, un’organizzazione che si occupa di mantenere standard comuni in modo che tutti si adeguino alle stesse regole, evitando problemi di compatibilità tra diversi sistemi informatici per quanto riguarda la rappresentazione dei caratteri. Sulla base di queste regole, ogni produttore di sistemi operativi è libero di disegnare i propri emoji, che hanno quindi una grafica diversa tra iOS e Android o Windows, per esempio. Ogni produttore può proporre al consorzio nuovi set di emoji, che dopo udienze e valutazioni possono essere approvati o respinti.

emoji-donne

Nella sua proposta, Google scrive: “Dato che le donne sono le utilizzatrici più assidue di emoji, e che coprono uno spettro professionale ampio e non rappresentato negli attuali emoji, desideriamo aiutare a superare questa disparità”. Le professioni proposte coprono diversi campi: dalla scuola alla chirurgia, passando per l’agricoltura e il lavoro in fabbrica. C’è anche una donna rockstar, una ricercatrice e un’impiegata per la produzione di microprocessori. La questione della rappresentazione stereotipata delle donne negli emoji è discussa da tempo, soprattutto negli Stati Uniti, e a sostegno di nuovi emoji più imparziali c’è anche Michelle Obama.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.