I giocatori del Crotone dopo la vittoria contro il Pescara (Tullio M. Puglia/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 28 Aprile 2016

Serie B, a che punto siamo

Il Crotone e il Cagliari sono quasi in Serie A e il Como è quasi in Lega Pro, il resto è tutto aperto

I giocatori del Crotone dopo la vittoria contro il Pescara (Tullio M. Puglia/Getty Images)

Mancano solo quattro giornate alla fine della stagione di Serie B, un campionato composto da 22 squadre, più lungo della Serie A e considerato molto difficile e impegnativo per le sue squadre. L’ultima giornata è in programma il 20 maggio, quando tutte le partite inizieranno alle 20.05. Dopodiché ci saranno i playoff e i playout per stabilire quale sarà la terza squadra che andrà in Serie A e quale sarà la quarta retrocessa: le altre posizioni si decidono con la stagione regolare. La quartultima giornata inizierà domani alle 20.30 con Modena-Crotone e proseguirà poi il 30, l’1 e il 2 maggio con tutte le altre partite, al termine delle quali potrebbero esserci i primi risultati certi per quanto riguarda promozioni e retrocessioni.

Le prime due squadre in classifica vanno direttamente in Serie A, e due squadre sono oggi nettamente favorite: il Crotone, primo con 77 punti, e il Cagliari, con quattro punti in meno. Subito dietro, le sei squadre che in questo momento occupano le sei posizioni che garantiscono l’accesso ai playoff sono Trapani, Pescara, Bari, Spezia, Virtus Entella e Cesena. Quest’ultima è ottava a pari merito con il Novara, che a inizio campionato è stato penalizzato di due punti per il mancato deposito del pagamento delle ritenute IRPEF.

serie-b

Il Como è ultimo in classifica con 29 punti e con ogni probabilità sarà una delle tre squadre che retrocederà direttamente in Lega Pro. Al penultimo e al terzultimo posto ci sono Livorno e Lanciano con 36 e 39 punti (il Lanciano è stato penalizzato di sette punti per motivi simili a quelli del Novara). Al 19esimo e al 18esimo posto, le due posizioni che garantiscono lo spareggio per la permanenza in Serie B, ci sono Salernitana e Modena, che però sono a pari merito con il Latina e hanno solo due punti in meno delle altre due squadre che le precedono, Vicenza e Pro Vercelli.

serie-b-5

Il Crotone è l’unica squadra che non ha mai passato un periodo particolarmente negativo nel corso della stagione ed è stata sempre nelle prime posizioni della classifica. È una delle squadre con l’età media più bassa della Serie B e la sua rosa è composta da numerosi giovani in prestito da Inter, Juventus, Fiorentina e Roma, e da calciatori esperti come Matteo Paro, Raffaele Palladino e Francesco Modesto. Il giocatore più forte della rosa è l’attaccante croato Ante Budimir, acquistato in estate dalla squadra tedesca del St.Pauli. In questa stagione Budimir ha segnato 16 gol, è il terzo miglior marcatore della Serie B e nei mesi scorsi si è parlato molto di un presunto interessamento per lui di diverse grandi squadre europee.

Il Crotone giocherà domani contro il Modena e per ottenere la prima promozione in Serie A della sua storia gli basterà un punto: ma può ottenere la promozione anche se perde e il Trapani non vince contro il Novara. Il Cagliari invece, secondo in classifica, giocherà sabato contro il Livorno: per essere sicuro della promozione deve vincere o pareggiare e sperare nelle sconfitte di Trapani, Pescara e Bari. Il Trapani allenato da Serse Cosmi, nonostante l’impressionante serie di otto vittorie consecutive e dodici partite senza sconfitte, difficilmente riuscirà a superare il Cagliari nelle ultime quattro partite. Lo stesso discorso vale per il Pescara, squadra con una delle rose sulla carta più forti del campionato, che ora è quarta con 64 punti, uno in meno del Trapani.

Nella zona retrocessione, il Como potrebbe essere matematicamente certo della retrocessione già sabato: da qui alla fine del campionato, può al massimo raggiungere i 41 punti. Se Modena, Salernitana e Latina, tutte ferme a 40 punti, dovessero vincere o pareggiare, il Como non avrebbe più speranze di salvarsi. Per le altre squadre in zona retrocessione si dovranno attendere le prossime giornate e la situazione potrebbe anche cambiare parecchio, così come per le squadre in zona playoff.