• postit
  • venerdì 15 Aprile 2016

Il soldato israeliano che aveva sparato a un attentatore palestinese ferito e immobile sarà processato per omicidio colposo

Il 24 marzo a Hebron, in Cisgiordania, un soldato israeliano ha sparato alla testa a un attentatore palestinese ferito e immobile, sdraiato per terra. L’evento è stato ripreso da un dipendente della ONG “B’Tselem” e se ne è parlato molto perché l’attentatore si muoveva a malapena ed era strettamente sorvegliato da una decina di altri soldati. Il 14 aprile un tribunale militare ha deciso che il soldato sarà processato per omicidio colposo, un’accusa meno grave rispetto a quella per omicidio volontario, richiesta dalla difesa dell’attentatore ucciso. Il soldato, di cui non è stato diffuso il nome, resterà in custodia almeno fino a lunedì.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.