James Cagney non è stato solo un gangster

È il ruolo che lo ha reso famoso al cinema ma lui, che morì 30 anni fa oggi, vinse l'Oscar interpretando un ballerino

James Cagney nel 1930 (Getty Images)

L’attore James Cagney, che morì il 30 marzo di 30 anni fa, vinse un Oscar per Ribalta di gloria, un musical del 1942 in cui interpretò l’attore cantante e ballerino George M. Cohan. Ribalta di gloria non è però il film più famoso di Cagney, che è conosciuto soprattutto per dei ruoli decisamente di altro tipo: quelli da duro, da gangster, da uomo violento e tutto d’un pezzo. Un gangster duro lo è stato per esempio in Nemico pubblico, un film del 1931 diretto da William A. Wellman, e in Gli angeli con la faccia sporca, diretto da Michael Curtiz nel 1938.

Ma anche questo non basta a raccontare Cagney. Identificare Cagney “con il personaggio del gangster o del violento sarebbe un’operazione riduttiva e ingiusta” scrisse il critico di cinema Morando Morandini. Nella sua carriera Cagney ha infatti recitato in più di 60 film, e “i personaggi di fuorilegge” sono solo quindici, “alcuni dei quali affrontati in chiave di commedia”. Orson Welles, uno dei più grandi registi di sempre, ha detto di lui: «Tutto quel che fa è grande, eppure non è mai, in nessun momento poco credibile. Perché è reale. È vero».

James Cagney era nato nel 1899 a New York, in una famiglia di origini irlandesi. Dopo aver frequentato le superiori a New York e dopo aver fatto i tanti e diversi lavoretti del caso, negli anni Venti iniziò a lavorare come ballerino e poi come attore a Broadway, la strada di New York famosa per i suoi teatri e i suoi musical. Cagney conobbe e sposò la ballerina Frances Willard Vernon e iniziò a lavorare nel cinema dopo che la Warner Bros. acquistò i diritti per trasformare in un film lo spettacolo Penny Arcade, per il quale Cagney aveva recitato a Broadway. Cagney convinse la Warner Bros. ad affidargli un ruolo in La vacanza del peccatore, il film drammatico del 1930 tratto da Penny Arcade. Dopo quel film Cagney firmò un contratto con la Warner Bros. (al tempo gli attori firmavano con gli studios contratti che duravano anni, per molti film) e già nel 1931 recitò in Nemico Pubblico interpretando Tom Powers, un gangster negli anni del proibizionismo.

Oltre che per Gli angeli con la faccia sporca in cui interpreta un gangster pentito che aiuta e si sacrifica per i giovani del suo quartiere – è famoso anche per la sua parte in La furia umana, un film del 1949 di Raul Walsh, in cui interpreta un gangster, questa volta psicopatico, e per il suo ruolo in Amami o lasciami, del 1955, in cui interpreta un gangster “buono”. Oltre che attore Cagney è stato anche produttore e regista: nel 1942 fondò con il fratello minore William la William Cagney Productions e nel 1957 diresse il film Scorciatoia per l’inferno. 

Dagli anni Sessanta fino alla sua morte, nel 1986, Cagney recitò in soli quattro film: i più importanti sono stati Uno, due, tre! nel 1961 e Ragtime di Milos Forman nel 1981. Negli ultimi decenni di vita Cagney, che morì d’infarto, ebbe problemi di diabete. Ha raccontato la sua vita e i molti aneddoti della sua carriera d’attore (per esempio che rifiutò una parte in Il Padrino – Parte II) nell’autobiografia Cagney by Cagney, pubblicata nel 1975.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.