• Italia
  • mercoledì 30 marzo 2016

Chi è che non deve pagare il canone RAI

Quelli che non hanno un televisore, per cominciare: ma devono farlo sapere all'Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile

Da una settima sono online sul sito dell’Agenzia delle Entrate i moduli per chiedere l’esenzione dal canone RAI. Da quest’anno, infatti, il canone RAI si pagherà nella bolletta della luce elettrica, nella quale i gestori della rete aggiungeranno automaticamente una quota supplementare: in totale cento euro l’anno. La norma che introduce il nuovo canone si basa sulla presunzione che chiunque abbia intestata un’utenza elettrica nel luogo in cui ha la residenza abbia anche un televisore o un altro apparecchio con cui ricevere il segnale digitale terrestre o satellitare della RAI. Nonostante questo cambiamento, restano comunque diverse categorie che non sono tenute a pagare il canone.

Chi non deve pagare il canone?
Per cominciare il canone si paga una volta sola, indipendentemente dal numero di apparecchi. Bisogna pagarlo, inoltre, soltanto per l’apparecchio presente nell’abitazione in cui si ha la residenza. Chi possiede due case, quindi, ognuna con un televisore, dovrà pagare il canone soltanto nell’abitazione in cui ha la residenza. Attenzione: una coppia che per motivi fiscali ha messo la residenza in due abitazioni diverse dovrà pagare il canone per entrambe le utenze.

È esentato dal pagamento del canone chi ha compiuto 75 anni, non convive con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio e possiede un reddito non superiore a 516,46 euro per tredici mensilità (cioè 6.713,98 euro annui). La legge prevede che il limite venga alzato a 8.000 euro, ma il finanziamento di questo ulteriore sgravio deriverà dai guadagni ottenuti dalla lotta all’evasione del canone e quindi non sarà operativo da subito.

Infine, può chiedere di essere esentato dal canone chi non possiede un televisore. In questa categoria rientra anche chi possiede solo un computer privo di sintonizzatore TV. Se cioè si ha un computer che consente l’ascolto o la visione dei programmi radiotelevisivi via internet e non attraverso la ricezione del segnale digitale terrestre o satellitare, non si deve pagare il canone.

Come si fa?
Per ottenere l’esenzione bisogna scaricare il modulo dal sito dell’Agenzia delle Entrate. Una volta compilato va spedito tramite raccomandata entro il 30 aprile oppure per via telematica entro il 10 maggio. Attenzione: l’esenzione deve essere rinnovata ogni anno, altrimenti l’Agenzia delle Entrate darà per assodato che è stato acquistato un apparecchio televisivo e tornerà a far pagare il canone nella bolletta elettrica. Il modulo deve anche essere utilizzato per segnalare, ad esempio, se due persone che fanno parte dello stesso nucleo familiare hanno intestate due utenze elettriche differenti, così da evitare il rischio di pagare il canone due volte.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.