(Keystone/Getty Images)
  • Media
  • mercoledì 16 marzo 2016

Tarare i media

Michele Serra commenta la distanza tra l'allarmismo di giornali e tv e la realtà: tra le "urla e le opinioni ragionate"

(Keystone/Getty Images)

Nella sua rubrica quotidiana su Repubblica Michele Serra riflette oggi sull’idea che i media danno delle cose del mondo – e in particolare di quelle europee -, e sul loro privilegiare allarmi, urla, “e compagnia brutta” rispetto alla comprensione e spiegazione della realtà

A leggere i giornali, e soprattutto a sentire gli agitatissimi talk-show televisivi, ci si fa un’idea molto fosca dell’Europa, alle prese con la peggiore crisi economica e la più imponente immigrazione dai tempi della Seconda guerra. Popolazioni spaventate e furenti, classi dirigenti impopolari e sull’orlo della resa. Ma quel quindici/venti per cento di voto xenofobo, per quanto angosciante, impatta ovunque contro una larga maggioranza ragionevole e ostinata, che continua a votare per i partiti democratici di destra, di sinistra e di centro. E il prezzo elettorale pagato dalla Merkel in Germania, per quanto alto sia, non le impedisce e non le impedirà di mantenere le redini del Paese, anche grazie a potenziali alleanze sulle quali i nazionalisti, in Germania come ovunque, non possono contare.

(continua a leggere sulla rassegna stampa di Cinquantamila)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.