Lo show nell’intervallo del Super Bowl 50 – foto e video

I Coldplay, Bruno Mars e Beyoncé si sono divisi il palco per un quarto d'ora (e prima Lady Gaga aveva cantato l'inno nazionale)

Beyonce, Chris Martin e Bruno Mars (Matt Cowan/Getty Images)

Uno dei momenti più belli e divertenti di ogni Super Bowl – e uno di quelli che fanno parte di quel contorno di cose che lo rendono un evento unico – è lo Halftime show: il concerto di metà partita che ogni anno viene affidato a musicisti e cantanti famosissimi. Quest’anno gli ospiti principali sono stati i Coldplay: il concerto è cominciato con Chris Martin che cantava in mezzo al campo circondato da spettatori prima di raggiungere il resto del gruppo su un palco al centro dello stadio. I Coldplay hanno suonato alcune delle loro canzoni più famose, tra cui Viva La Vida e Adventure of a Lifetime. Dopo si è unito a loro il cantante statunitense Bruno Mars, che ha cantato Uptown Funk accompagnato sul palco da un gruppo di ballerini. A quel punto è arrivata anche Beyoncè, e la sua è stata secondo molti la parte di concerto più bella.

Beyoncé ha cantato la sua nuova canzone Formation, il cui video è stato diffuso sabato, accompagnata da un gruppo di ballerine nere vestite con una divisa che ricordava quella delle Black Panther, un’associazione politica per l’emancipazione dei neri particolarmente attiva tra gli anni Sessanta e Settanta, e indossando lei stessa un vestito che ricordava quello usato da Michael Jackson per lo Halftime show del 1993. Beyoncé, i Coldplay e Bruno Mars si sono poi riuniti tutti insieme sul palco per un momento e, dopo un breve intermezzo in cui è stato proiettato un video in ricordo di tutti gli Halftime Show della storia del Super Bowlhanno concluso insieme lo spettacolo. Bruno Mars e Beyoncé erano stati entrambi gli ospiti principali di edizioni passate del Super Bowl, rispettivamente nel 2014 e nel 2013.

Il video dell’Halftime show

Secondo molti spettatori e commentatori, l‘Halftime show di questa edizione del Super Bowl è stato comunque uno dei meno divertenti ed entusiasmanti degli ultimi tempi: lo spettacolo è stato molto meno appariscente di quello dell’anno scorso, quando Katy Perry aveva fatto il suo ingresso sul campo a cavallo di una gigantesca tigre finta, e in generale in molti hanno trovato strano che il centro del concerto fossero i Coldplay e non Beyoncé, che in un certo senso ha rubato la scena agli altri musicisti mettendo insieme un’esibizione di grande effetto coreografico e che è stata molto apprezzata anche per il suo significato politico.

L’inno nazionale

Insieme allo Halftime show, un altro momento molto atteso del Super Bowl è l’inno nazionale che viene cantato prima dell’inizio della partita. Ogni anno l’inno è cantato da un/una cantante famoso/a: ieri c’era Lady Gaga.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.