La principessa e il principe di Una lunga storia d'amore

Cosa succede in una lunga storia d’amore

In un libro pubblicato da Logos l'illustratrice Emmanuelle Houdart racconta cosa accade dopo il "vissero felici e contenti"

La principessa e il principe di Una lunga storia d'amore

La casa editrice Logos ha pubblicato Una lunga storia d’amoreun nuovo libro illustrato di Emmanuelle Houdart, pittrice e autrice svizzera nata nel 1967, e scritto dall’artista francese Laëtitia Bourget: le due avevano già lavorato insieme in Amiche per la vita e Genitori felici, usciti entrambi in Italia per Logos.

La storia inizia dopo che il principe ha già superato “le prove più insuperabili” e conquistato la sua principessa: la vera difficoltà dei due protagonisti è affrontare insieme la vita di ogni giorno, come “scegliere il colore del palazzo senza litigare”, mettersi d’accordo sui nomi da dare ai figli e sopportare i difetti l’uno dell’altra. La principessa deve accettare che il principe la lasci sola per andare a uccidere mostri cattivi, e il principe deve mantenere la calma quando la principessa danza con altri cavalieri. Lo sguardo ironico delle autrici sdrammatizza le ragioni di conflitto che ogni coppia conosce bene, senza togliere realismo al racconto. Le illustrazioni di Houdart hanno colori decisi e un’aria fiabesca, accentuata anche dalla rappresentazione di profilo dei protagonisti.

Emmanuelle Houdart collabora con giornali e quotidiani come Libération e Le Monde, e ha vinto diversi premi, tra cui il Gran Premio dei libri per ragazzi della Società dei letterati francesi per I meravigliosi viaggi della fata brillina (Motta Junior, 2006) e il premio BolognaRagazzi nella categoria fiction alla Bologna Children’s Book Fair per Mostri ammalati (Il Castoro, 2005). A marzo Logos pubblicherà anche Emilia Mirabilia, che Houdart ha realizzato insieme all’autore Ludovic Flamant. Sempre di Houdart Logos ha anche pubblicato Il denaro, Il guardaroba, Rifugi, Saltimbanchi e Va tutto bene Merlino!.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.