©Francesco Zizola

Le periferie di Roma raccontate dai fotografi

Il progetto “Oltre le mura di Roma” è in mostra da oggi al MACRO Testaccio: tra le altre cose ci sono i reportage di cinque fotografi italiani di livello internazionale

©Francesco Zizola

“Oltre le mura di Roma” è un progetto di fotogiornalismo dedicato alle periferie di Roma, in mostra dal 21 gennaio al 10 marzo al MACRO Testaccio. Il progetto è cominciato circa un anno fa grazie a Global Shapers, un gruppo di giovani tra i 20 e i 30 anni che lavora a diverse iniziative con finalità sociale: è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Roma e sotto la direzione artistica di Francesco Zizola. Zizola ha vinto il premio Foto dell’anno al World Press Photo Award nel 1996, altri otto riconoscimenti nell’ambito del World Press Photo Award ed è stato premiato quattro volte al Pictures of the Year Award: una sua foto è stata scelta dal Guardian tra le migliori del 2015. Zizola e altri quattro fotografi italiani di livello internazionale (Stefano De Luigi, Davide Monteleone, Angelo Turetta e Tommaso Protti) hanno realizzato un loro reportage per “Oltre le mura di Roma” e sono poi diventati i componenti della giuria del concorso alla base della seconda fase del progetto.

Tra più di mille partecipanti sono stati selezionati come vincitori Sara Camilli (al primo posto) e Matteo Vieille (al secondo posto) nella categoria senior, Isabella Borrelli e Lucia D’Amato (rispettivamente prima e seconda classificata) nella categoria emergenti, riservata a chi aveva meno di 26 anni. Tra i lavori esposti ci sono i migranti, gli ex-detenuti e gli studenti universitari della squadra di calcio “Atletico Diritti” fotografati da Zizola, le lezioni di danza in un centro anziani di Tor Sapienza nelle immagini di Tommaso Protti e le donne per le strade del quartiere Settecamini di Sara Camilli.

“Oltre le mura di Roma” è stato selezionato all’incontro annuale del World Economic Forum a Davos per mostrare come l’arte possa promuovere i cambiamenti sociali. I Global Shapers sono nati nel 2011 su iniziativa del World Economic Forum e attualmente sono presenti in 454 città e contano 5.548 membri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.