Foto Piero Cruciatti / LaPresse
  • Italia
  • Questo articolo ha più di sei anni

Chi può circolare durante il blocco delle auto a Milano

Chi sta traslocando, sta andando in aeroporto o in stazione, per esempio: tutte le esenzioni previste

Foto Piero Cruciatti / LaPresse

Ancora oggi a Milano e in alcune città lombarde è previsto un blocco totale del traffico deciso perché negli ultimi giorni è stato superato il livello di inquinamento atmosferico previsto dalla legge. A Milano il blocco delle auto è in vigore da lunedì 28 e ha riguardato tutto il territorio comunale nella fascia oraria compresa tra le 10 e le 16 di ciascuna giornata, ma sono previste alcune eccezioni valide anche per oggi: sul sito del Comune di Milano ne sono segnalate 30.

A Milano sono naturalmente in vigore le esenzioni più comuni, per esempio quelle sui mezzi pubblici, i veicoli appartenenti alle autorità o a persone che devono svolgere lavori di pubblica utilità e i taxi. Ci si potrà inoltre spostare in auto anche con i servizi di car sharing – come Enjoy e Car2go – o usando veicoli elettrici o ibridi; e potranno usare la loro auto in ogni caso le persone che devono ricevere terapie mediche “indispensabili” o procurarsi urgentemente delle medicine, oppure ancora i tecnici che si occupano di interventi di manutenzione urgente. Oltre a queste esenzioni, ce ne sono poi diverse altre, e riguardano:

• Le persone che stanno compiendo un trasloco (sebbene a Milano devono avere già ricevuto in precedenza un’autorizzazione dalla polizia municipale).

 Chi è diretto o arriva da un aeroporto o una stazione ferroviaria, oppure sta andando o ha appena lasciato una “struttura ricettiva” (cioè un albergo o simili): in entrambi i casi deve dimostrarlo esibendo un biglietto o “apposita documentazione”

Chi va a donare il sangue, se lo può provare

I volontari che prestano servizio in “strutture ospedaliere e in altri ricoveri assimilati”, purché abbiamo un attestato scritto del presidente dell’associazione che specifichi orario e luogo del servizio

I partecipanti a una cerimonia funebre, che però devono esibire un invito o “le attestazioni rilasciate dai ministri officianti”. I partecipanti ai matrimoni invece non sono esentati dal blocco.