• Cultura
  • martedì 24 Novembre 2015

Le 10 migliori pubblicità a tema Star Wars

Da Yoda che registra la voce per un navigatore satellitare a C-3PO che invita a smettere di fumare (e ci sono anche i Daft Punk)

I moltissimi personaggi della saga cinematografica di Star Wars – e il loro ruolo nell’immaginario culturale di diverse generazioni – si prestano bene a essere utilizzati in contesti piuttosto lontani dai film, come pubblicità televisive, meme e scherzi di vario tipo. Fin dall’uscita del primo film nel 1977, le agenzie pubblicitarie li hanno usati per gli scopi più disparati, dal vendere una macchina a scoraggiare la diffusione del fumo: abbiamo messo insieme i dieci spot più riusciti, a partire dal celebre bambino vestito da Darth Vader che accende una macchina al buffo video di Yoda che registra le indicazioni vocali per un navigatore Tom Tom. Il più vecchio risale all’inizio degli anni Ottanta, mentre il più recente è stato pubblicato solo qualche giorno fa.

1) Adidas per i Mondiali di calcio del 2010
Adidas ha inserito nella famosa scena del bar di Mos Eisley del primo film una serie di personaggi famosi, alcuni dei quali legati al calcio: fra gli altri, ci sono i Daft Punk, David Beckham, Snoop Dogg, Franz Beckenbauer e Noel Gallagher.

2) Volkswagen, “The Force”
È probabilmente la pubblicità più famosa legata a Star Wars: è stata diffusa per la prima volta il 6 febbraio 2011 durante il 45esimo Super Bowl e da allora ha ottenuto più di 60 milioni di visualizzazioni su YouTube e moltissime lodi.

3) Target, “Share the Force” 
È una raccolta di brevi video di fan che mostrano la propria passione per Star Wars in vista dell’uscita del nuovo film Il risveglio della Forza. Target, una grossa catena di supermercati, ha anche aperto un apposito sito dove si possono condividere foto e ricordi legati a Star Wars.

4) ESPN e l’ammiraglio Ackbar
Nel 2010 un gruppo di stutenti della University of Mississippi cercò di far diventare l’Ammiraglio Ackbar – un personaggio di secondo piano della “vecchia” trilogia ma molto apprezzato dai fan e protagonista di un noto meme – la mascotte della propria università, dato che quella precedente era stata abolita perché legata alla resistenza sudista durante la guerra civile. La Lucasfilm però, la società fondata dall’ideatore di Star Wars George Lucas, non diede il permesso di usare i diritti di immagine di Ackbar. ESPN riprese comunque la storia per raccontare la bellezza dello sport universitario.

5) Darth Vader a Disneyland
La pubblicità è stata diffusa nel 2011 per promuovere la ristrutturazione dell’attrazione Star Tours di Disneyland, l’unica attrazione ufficiale a tema Star Wars presente in un parco divertimenti.

6) “Like Father, Like Daughter”, Toys “R” Us (ottobre 2015)

7) Tom Tom 
Dal 2010 la nota società che produce navigatori GPS dà la possibilità di ascoltare le indicazioni dei propri navigatori con la voce di Darth Vader o Yoda. Per lanciare la novità diffuse due video di “dietro le quinte” delle registrazioni.

8) Campagna contro il fumo del Dipartimento della Salute americano
Un breve video con protagonisti i droidi R2-D2 e C-3PO uscì nei primi anni Ottanta per invitare a smettere di fumare. All’inizio del video si vede C-3PO che “becca” R2-D2 a fumare: in una seconda scena gli consiglia di smettere perché nonostante sia un robot, e non possa soffrire per malattie “umane”, sta mettendo a rischio la salute di chi gli sta intorno.

9) Duracell, il Natale e Il risveglio della Forza

10) Lucasfilm, La minaccia fantasma
Per promuovere il primo film della nuova trilogia, la Lucasfilm diffuse in tv degli spot che contenevano brevi poesie recitate dai personaggi principali, con pezzi di scene del nuovo film. Una delle migliori è incentrata su Shmi Skywalker, la madre del protagonista Anakin.

Bonus: la peggiore pubblicità a tema Star Wars
Secondo il sito So Bad So Good è stata realizzata nel 1978 dalla marca di tonno in scatola giapponese Hagoromo, che non avendo i diritti per utilizzare i personaggi veri riempì lo spot di goffe caricature. La pubblicità è resa ancora più surreale da un jingle disco, le frequenti immagini di piatti il cui ingrediente base è il tonno in scatola e la presenza di un ninja.