Vincenzo De Luca (Roberto Monaldo / LaPresse)
  • Italia
  • mercoledì 11 novembre 2015

Vincenzo De Luca è indagato

E insieme a lui il capo della sua segreteria (che si è dimesso) e la giudice relatrice dell'ordinanza con cui si era potuto insediare come presidente della Campania: cosa ne sappiamo

Vincenzo De Luca (Roberto Monaldo / LaPresse)

Il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, è indagato nell’ambito di un’inchiesta della procura di Roma che riguarda il suo ex capo della segreteria, Nello Mastursi, che si è dimesso due giorni fa. Tra gli indagati nella stessa inchiesta ci sono anche la giudice Anna Scognamiglio, relatrice dell’ordinanza con cui lo scorso luglio era stato accolto il ricorso di De Luca contro la sospensione prevista dalla legge Severino (grazie a quella sentenza De Luca si era potuto insediare come presidente), suo marito Guglielmo Manna, due infermieri dell’ospedale pediatrico Santobono-Pausilippon di Napoli e un dirigente politico di una lista di De Luca alle regionali, Giuseppe Vetrano. Le accuse, stando a quanto si sa al momento, sono rivelazione di segreto d’ufficio e corruzione.

L’inchiesta è stata avviata all’inizio di luglio dalla procura di Napoli, che poi per competenza territoriale ha inviato gli atti a Roma: è infatti la procura di Roma che si occupa delle vicende giudiziarie in cui sono coinvolti magistrati del distretto di Napoli. L’inchiesta, secondo quanto scrivono i giornali, è nata da un’intercettazione in cui Guglielmo Manna, poco prima che il verdetto di De Luca fosse depositato in cancelleria, avrebbe chiesto a Mastursi un’assunzione nel settore della sanità, parlando anche di un possibile intervento della moglie in una questione che interessava particolarmente a Mastursi stesso. Secondo l’accusa De Luca sarebbe stato quindi indotto a promettere l’assunzione di Manna in base al reato previsto dall’articolo 319 quater, comma primo e secondo introdotto dalla recente riforma che punisce, oltre al pubblico ufficiale che minaccia o abusa (in questo caso, la giudice) anche quello che un tempo veniva definito “concusso” (in questo caso, De Luca). Il Corriere precisa anche che Manna avrebbe chiesto a un amico di essere messo in contatto con Mastursi spiegando «di poter dare notizie sulla sentenza che entro qualche giorno sarebbe stata firmata da sua moglie».

L’indagine segue, di fatto, l’intera vicenda De Luca-Severino. La telefonata sarebbe avvenuta tra il 2 luglio, quando il giudice civile Gabriele Cioffi, con provvedimento d’urgenza aveva dato ragione a De Luca e aveva sospeso la “sospensione” prevista dalla legge rimandando gli atti al collegio della prima sezione civile del tribunale, e il 22 luglio quando è stata depositata dalla giudice Scognamiglio l’ordinanza collegiale che confermava nuovamente la sospensione. A quanto si sa non risulterebbero comunque contatti diretti tra la giudice e De Luca, ma il presidente sarebbe indagato intanto come atto dovuto di garanzia per verificare se sia stato coinvolto nella vicenda.

Nei giorni scorsi la casa di Mastursi e i suoi uffici nella sede della giunta regionale erano stati perquisiti e il suo cellulare e il suo computer erano stati sequestrati. Mastursi è anche vicesegretario del Partito Democratico della Campania. Martedì sera su Facebook De Luca ha detto di essere «senza alcun margine di equivoco» estraneo «a qualunque condotta meno che corretta» e ha ribadito la cosa mercoledì mattina, durante una conferenza stampa, spiegando di non sapere chi sia Guglielmo Manna e di considerarsi “parte lesa” in questa vicenda. De Luca ha detto anche di aver fiducia nella magistratura e ha spiegato che combatterà “in maniera ferma nei confronti di chiunque oserà nei prossimi giorni gettare ombre sulla correttezza, sulla trasparenza dei nostri comportamenti”.

Con questa nuova inchiesta la posizione di De Luca diventa ancora più complicata. Lo scorso gennaio, quando era sindaco di Salerno, De Luca era stato condannato in primo grado a un anno di prigione per abuso d’ufficio relativo al caso della realizzazione di un termovalorizzatore; la condanna prevedeva anche l’interdizione per un anno dai pubblici uffici. De Luca era quindi decaduto per alcuni giorni dall’incarico di sindaco di Salerno, come previsto dalla legge, ma poi aveva presentato ricorso al TAR contro la sospensione e i giudici del TAR gli avevano dato ragione, reintegrandolo in tempi brevissimi in attesa di una pronuncia definitiva della Consulta.

Nel frattempo De Luca si era candidato per il PD alla presidenza della Campania e aveva vinto le elezioni nel maggio del 2015: la legge Severino impedisce di candidarsi a politici condannati in via definitiva, limitandosi invece a un’eventuale sospensione, successiva all’elezione, in caso di condanne non ancora definitive. Alla fine di giugno, dopo il suo insediamento, De Luca era stato nuovamente sospeso, ma aveva fatto ricorso al tribunale ordinario per chiedere a sua volta la sospensione degli effetti della legge Severino in attesa della pronuncia della Corte Costituzionale. Lo aveva vinto e aveva potuto cominciare a esercitare le sue funzioni di presidente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.