(ANSA / MATTEO BAZZI)
  • Italia
  • sabato 31 ottobre 2015

Chi è il nuovo commissario di Roma

Si chiama Francesco Paolo Tronca, è il prefetto di Milano ed è stato nominato su indicazione del governo dopo la decadenza di Ignazio Marino

(ANSA / MATTEO BAZZI)

Venerdì sera 26 consiglieri comunali di Roma hanno dato le dimissioni: dato che il loro numero ha superato la metà dei membri del consiglio comunale, la giunta è stata sciolta e il sindaco Ignazio Marino è decaduto. Marino, che è del Partito Democratico ed è in carica dal 2013, è decaduto due giorni dopo aver ritirato le proprie dimissioni e soprattutto dopo settimane di polemiche. Il prefetto di Roma – su indicazione del governo – ha quindi nominato il nuovo commissario, che fino alle prossime elezioni manterrà i poteri di consiglio, giunta e sindaco messi insieme: è Francesco Paolo Tronca, prefetto di Milano.

Tronca è nato a Palermo nel 1952. Dopo essersi laureato sia in Giurisprudenza sia in Storia all’Università di Pisa, entrò in Polizia con un concorso nel 1977, ricoprendo la carica di commissario. Nel 1979 diventò capo della segreteria del prefetto di Milano: negli anni successivi ottenne diverse promozioni, fino a diventare viceprefetto nel 2000. Nel 2003 fu invece nominato prefetto di Lucca. Nel 2006 ricoprì la stessa carica nella città di Brescia. Nel 2008 fu a capo del dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco, mentre nel 2013 tornò a Milano con la carica di prefetto.

Di Tronca si sa che è un tipo molto riservato e che è generalmente molto apprezzato. Dopo la nomina, Tronca ha diffuso alla stampa solamente un comunicato in cui dice:«Sono orgoglioso e felice, sarà una sfida difficile ma ho fiducia in me e nei miei prossimi collaboratori». Non è chiaro a chi si riferisca Tronca: il Corriere della Sera ha però ipotizzato che il governo possa affiancare allo stesso Tronca alcuni “esperti” – probabilmente dei sub-commissari con un incarico ufficiale – che svolgano le funzioni degli assessori decaduti. Spiega il Corriere:

Nell’elenco rimangono Marco Rettighieri, il general manager constructions di Expo che aveva sostituito Angelo Paris dopo l’arresto avvenuto l’8 maggio scorso. E poi Carlo Fuortes, sovrintendente all’Opera di Roma, e soprattutto Giovanni Malagò, anche se bisognerà superare il problema di un possibile conflitto di interessi visto che è presidente del Coni.

La giornata di ieri è stata piuttosto movimentata. In mattinata un articolo di Repubblica aveva detto che Marino è indagato dalla Procura di Roma per peculato per via del controverso utilizzo della carta di credito che gli era stata data dal comune di Roma per sostenere le spese relative al suo incarico. Marino è già indagato da mesi per truffa ai danni dello Stato nell’ambito della gestione della sua ONG “Imagine”. Nel pomeriggio 26 consiglieri comunali di Roma – fra cui 19 del Partito Democratico, altri 2 della maggioranza e 5 dell’opposizione – hanno ufficializzato le loro dimissioni, facendo di fatto decadere Marino. Lo stesso Ignazio Marino ha poi tenuto una conferenza stampa nella quale ha detto: «sono stato accoltellato da 26 nomi e cognomi ma da un unico mandante». Marino si riferiva probabilmente al presidente del Consiglio Matteo Renzi – che è anche segretario del PD – il quale secondo diversi giornalisti che si occupano di politica ha scelto di non sostenere più Marino dopo mesi di scandali e polemiche. In serata, il prefetto di Roma Franco Gabrielli ha ufficializzato la nomina di Tronca a commissario.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.