• Sport
  • mercoledì 28 ottobre 2015

Il video che mostra il contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez

È ripreso dalla telecamera montata sulla moto di Marquez, mostra vari sorpassi e poi l'ultimo, quello della caduta

Il sorpasso di Valentino Rossi su Marc Marquez, e la successiva caduta di quest’ultimo, sono stati l’evento sportivo della settimana. Durante il sesto giro della penultima gara del MotoGP Rossi – che è pilota della Yamaha – ha superato Marquez – pilota per la Honda – allargando molto la curva e costringendolo verso l’esterno della pista, i due sono arrivati vicinissimi l’uno all’altro ed è possibile che Marquez abbia toccato Valentino Rossi o la sua moto; poi Rossi lo ha guardato e ha allargato la gamba, provocando la caduta di Marquez. I due piloti si erano già superati molte volte nell’inizio di gara e in quel momento erano terzo (Marquez) e quarto (Rossi).

Il sorpasso è stato molto contestato, perché secondo molti Valentino Rossi avrebbe volontariamente fatto cadere Marquez: alla fine della gara Rossi è stato sanzionato: al prossimo Gran Premio – che è l’ultimo del Motomondiale e si correrà a Valencia, in Spagna, l’8 novembre – dovrà partire dall’ultima posizione. Secondo Casey Stoner – ex pilota australiano campione del mondo di MotoGP nel 2007 e 2011, oggi 30enne – se il sorpasso fosse stato effettuato da un qualunque altro pilota, si sarebbe proceduto subito alla squalifica. Fino a domenica Valentino Rossi e Jorge Lorenzo erano gli unici due piloti a giocarsi il mondiale, che si concluderà domenica con l’ultimo Gran Premio. Dopo l’episodio Valentino Rossi aveva ipotizzato anche di non correre affatto l’ultima gara, perché ormai è molto probabile che vinca Lorenzo, poi però ha confermato che parteciperà. È stato pubblicato un nuovo video del contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Il video, registrato dalla telecamera montata a bordo della moto di Marquez, mostra alcuni sorpassi fra i due piloti e il momento della caduta dello spagnolo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.