(AP Photo/Joshua Paul)

Cosa ha detto Casey Stoner sul sorpasso di Valentino Rossi

«Se qualsiasi altro pilota avesse fatto quello che ha fatto Valentino avremmo visto subito la bandiera nera della squalifica immediata», ha detto su Twitter l'ex pilota australiano

(AP Photo/Joshua Paul)

Il pilota italiano di MotoGP Valentino Rossi, che corre per la Yamaha, ha compiuto domenica un sorpasso molto contestato su Marc Marcquez, pilota spagnolo della Honda, durante l’ultima gara in Malesia. Durante il sesto giro Rossi ha superato Marquez allargando la curva e costringendo il suo avversario a rimanere molto esterno: poi l’ha guardato e ha urtato la sua moto, provocando la caduta di Marquez. In seguito al sorpasso Casey Stoner – ex pilota australiano campione del mondo di MotoGP nel 2007 e 2011, oggi 30enne – ha criticato molto Valentino Rossi e l’organizzazione che gestisce il campionato di MotoGP.  Rossi non è stato squalificato durante il Gran Premio della Malesia e ha finito la gara al terzo posto, rimanendo primo nella classifica generale a una gara dalla fine del Mondiale. Stoner ha scritto:

«Se qualsiasi altro pilota avesse fatto quello che ha fatto Valentino avremmo visto subito la bandiera nera della squalifica immediata, senza dubbio»

In MotoGP la bandiera nera citata da Stoner segnala una squalifica immediata. Dopo la gara, l’organizzazione del MotoGP ha comunque penalizzato Rossi, che nell’ultima gara del Motomondiale, il Gran Premio di Valencia, partirà in ultima posizione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.